Linguaggi 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAW ​ Via Morrone 71 Sulmona 67039

Sulmona (AQ) - dal 14 al 21 ottobre 2017

Linguaggi

Linguaggi

 [Vedi la foto originale]
MAW
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Morrone 71 (67039)
+39 3314210191
info@mawlab.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra collettiva con opere pittoriche, mixed media e di grafica d’arte, indaga ed intreccia sei diverse ricerche di sorprendente e limpida forza visiva andando a comporre con tratto inedito un segmento di una vicenda che è quella stessa dell’esperienza artistica nei movimenti della contemporaneità.
orario: da sabato a sabato ore 10,30-12,30 e 17,00-20,00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 14 ottobre 2017. ore 18,00
curatori: MAW Laboratorio d'arte
autori: Alfredo Avagliano, Nadia Giusto, Marino Rossetti, Cesare Saccenti, Franco Sciusco, Valeria Vian
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“E’ un viaggio che si snoda tra le pieghe della storia dell’arte contemporanea – scrive Livia Compagnoni nel catalogo che accompagna la mostra – attraverso i mutamenti degli anni ’70 e ’80 del secolo scorso, nell’era in cui si celebra l’atteggiamento della riflessione e re-visione critica nei confronti del concetto di evoluzione e progresso continuo. Così come nella vastità di raggio delle esperienze artistiche in corso, nei suoi sincretismi, nelle sue sincopi e aritmie estrinsecate in forme diverse che coesistono e si confermano reciprocamente (…) Scorre l’arte sotto le insegne della transizione, verso il tentativo di un nuovo modo di articolare la pittura, con balzi in avanti e improvvisi ritorni all’ordine figurativo. L’artista ha consapevolmente accettato il crollo dello spartiacque ideologico tra aniconico e figurazione: la presunta inconciliabilità dei due baricentri della pittura è in assoluto tramontata.”
Un invito, quindi, quello di questa mostra, a decifrare e a connettere “linguaggi”, a sperimentare una scena di libera-azione del gesto e della parola dell’arte, di significati e di visioni, nello spirito di un avvicinamento tra pubblico e arte che sempre segnato il lavoro del nostro Spazio.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram