Massimo Orsi - Tappezzeria 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva INTERNO 14 ​ Via Carlo Alberto 63 Roma 00185

Roma - dal 23 novembre all'otto dicembre 2017

Massimo Orsi - Tappezzeria

Massimo Orsi - Tappezzeria
Tappezzeria - ceramica su carta
 [Vedi la foto originale]
INTERNO 14
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Carlo Alberto 63 (00185)
+39 , +39 (fax), +39
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nascosto dalle trame dei suoi parati, celato dai meandri rigorosi e colorati di intrecci e ghirigori, mimetizzato negli intarsi geometrici delle sue opere, Massimo Orsi resiste, grazie al suo sguardo ironico e critico, al rigore etico di una visione lucida e affilata delle cose.
orario: Su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 23 novembre 2017. ore 18.30
curatori: Lorenzo Canova, luigi prestinenza puglisi
autori: Massimo Orsi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
"Nascosto dalle trame dei suoi parati, celato dai meandri rigorosi e colorati di intrecci e ghirigori, mimetizzato negli intarsi geometrici delle sue opere, Massimo Orsi resiste, grazie al suo sguardo ironico e critico, al rigore etico di una visione lucida e affilata delle cose.

Orsi compone infatti da anni le sue opere sulla parola OK, base modulare e concettuale del suo lavoro e della sua lettura del nostro presente, in un pensiero dove il pessimismo, il sarcasmo e l’ironia non si trasformano in cinismo e restano a supporto di una radicale proposta di azione.

L’autore si collega così in modo dichiarato ad alcune linee del concettualismo internazionale, di cui conserva molte suggestioni per ampliare tuttavia la sua riflessione in una direzione politica, allo stesso tempo disillusa e costruttiva, che cerca un senso nella complessità del mondo, nelle sue dialettiche e nelle sue contraddizioni.

In questo senso, l’artista lavora sempre con raffinata e perfida esattezza, ritagliando con rigore e leggerezza orientale fogli di carta per creare collage e découpage, progettando e componendo tappezzerie per interni irreali, ricorrendo a memorie lievi di una materia cromatica di lontana matrice informale per dare vita ai suoi intrecci pittorici di OK declinati sulla monocromia, modellando ceramiche per far nascere i suoi personaggi in bilico tra gioco e variazioni volumetriche.” (dal testo critico “Mimetico Critico Politico” di Lorenzo Canova)

“Invitato da Luigi Prestinenza a partecipare al ciclo di mostre intitolato “Tappezzeria”, ho pensato di stampare una serie di carte da parati che richiamassero le sculture e i bassorilievi realizzati in ceramica, quasi a creare loro un sottofondo attraverso una sorta di camouflage. L’idea è quella di mettere a confronto due metodologie lavorative differenti: la prima, quella manuale, attraverso l’esposizione delle ceramiche interamente realizzate e dipinte a mano, dove la manualità evidenzia la quasi impossibilità di raggiungere una precisione dell’opera, implicita nella sua unicità e irripetibilità; la seconda, realizzata successivamente attraverso l’elaborazione delle opere ceramiche, con lo stampaggio su carta dei motivi, tutti legati al logo “OK”, che hanno ispirato la realizzazione delle ceramiche stesse.

L’idea della tappezzeria è espressa nella continuità del segno, nel suo essere “senza soluzione di continuità”, nel suo presentarsi “forte e compatta” e, nello stesso tempo, è negata dalla fragilità del materiale, dall’elaborazione manuale della carta stampata e dalla sua unicità.” (Massimo Orsi)

Massimo Orsi (1962) vive e lavora ad Alessandria. Artista attento al mondo che lo circonda, da sempre focalizza l’attenzione sulle problematiche della società contemporanea. Si muove con disinvoltura attraverso i vari media artistici -installazioni, scultura, tessitura- eleggendo però la pittura a mezzo di espressione per eccellenza, mescolando così una visione “classica” del fare arte al ruolo “ultramoderno” dell’artista militante. Tra le principali esposizioni: 2017 Alti e Bassi, Sala polifunzionale Aratro, Università degli studi del Molise, Campobasso; 2016 Km.Zero, Al51puntolab, mostra realizzata in collaborazione con i detenuti della casa di reclusione di San Michele, Alessandria; 2015 Presentazione stele pittorica “Vittime dei bombardamenti alleati 1940-1945 Comune di Alessandria, Alessandria; 2014 Non riciclo, triciclo e a volte dico, Studio d’arte 102, Alessandria; 2011 Incontro con l’artista, Grey Gallery, Alessandria; 2006 Personale, galleria la cittadella, Alessandria; 2004 Ritratti, galleria passo blu, Genova; 1999 Massimo Orsi, galleria Il Ponte, Roma; 1997 Fatto da Orsi, Galleria Carlomaria Weber, Torino; 1995 ORSI, galleria Loft, Valdagno (VI); 1995 Formato Terra, Associazione Culturale Autori-Messa, Roma; 1994 Grandezza Naturale, Galleria Alfonso Artiaco, Pozzuoli (NA); 1992 Proposte, palazzo IRV, Torino; 1991 Light Box, Galleria il segno, Roma.


INFO

Massimo Orsi
“Tappezzeria”

A cura di Luigi Prestinenza Puglisi
Testo critico di Lorenzo Canova

Inaugurazione 23 novembre 2017 ore 18.30

Interno 14 - Via Carlo Alberto 63 Roma

La mostra è visitabile fino all’8 dicembre 2017: 3494945612

L'iniziativa non si prefigge finalità commerciali di alcun genere, ma fa parte delle attività culturali dell'associazione. 


AIAC Associazione Italiana di Architettura e Critica

Art Director Interno 14 Roberta Melasecca 
roberta.melasecca@gmail.com / tel. 349 4945612 www.presstletter.com
 
trovamostre
@exibart on instagram