Giuliana Fresco - Ombra e colore 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva VENTI CORRENTI ​ Via Cesare Correnti 20 Milano 20123

Milano - dal 12 aprile al 14 maggio 2005

Giuliana Fresco - Ombra e colore

Giuliana Fresco - Ombra e colore

 [Vedi la foto originale]
VENTI CORRENTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Cesare Correnti 20 (20123)
+39 0286457053 , +39 0286457053 (fax)
info@venticorrenti.com
www.venticorrenti.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una quarantina le opere esposte, tutte realizzate di recente dall'artista che si divide fra Milano e Londra. La rassegna fa seguito a due importanti mostre svolte nel 2004 a Palazzo Bricherasio a Torino, e a Palazzo dei Sette a Orvieto.
orario: da martedì a sabato 15-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 12 aprile 2005. ore 18,30
catalogo: con testi di Gianluca Ranzi e Dominique Stella
ufficio stampa: IRMA BIANCHI
curatori: Dominique Stella
autori: Giuliana Fresco
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nasce dalla figura la creatività pittorica di Giuliana Fresco, la giovane artista a cui Venti Correnti dedica una mostra, curata da Dominique Stella, dal 12 aprile al 14 maggio 2005.
Una quarantina le opere esposte, tutte realizzate di recente dall'artista che si divide fra Milano e Londra. La rassegna fa seguito a due importanti mostre svolte nel 2004 a Palazzo Bricherasio a Torino, e a Palazzo dei Sette a Orvieto.

La figura, il ritratto: questi i soggetti più amati sin dai primi dipinti, che risalgono agli anni ‘80. Sono ritratti eseguiti con forza ed ampie pennellature di colori che lasciano già intuire un’evoluzione verso una pittura che non sa accontentarsi della rappresentazione, e va ad esplorare zone ben più suggestive e misteriose nascoste dietro il colore, come mostrano le opere di oggi.

Nell’esposizione si evidenzia in particolare la maturità del lavoro di Giuliana Fresco, che si esprime in un alternarsi e compenetrarsi di ombre e colore. Commenta la curatrice Dominique Stella: “Giuliana Fresco gioca al limite dell'astrazione senza mai abbandonare la forma che diventa ombra, fantasma rivelato da colori forti che costruiscono una geometria fluida”. In effetti la costruzione frammentata costituisce la base dello sviluppo dei lavori pittorici di Giuliana Fresco. Ed è l’artista stessa a spiegare come questa struttura sia la sua impronta personale: "il frammento si confà al mio modo di dipingere e di costruire a ‘pezzi’ una visione. Una specie di puzzle di elementi figurativi e astratti". E prosegue “Credo che un dipinto (in qualunque mezzo sia eseguito) debba trovare un suo equilibrio di piani e colori che funzionano tra di loro più che rappresentare logicamente qualcosa. Alla fine è sempre un viaggio a sorpresa. Si sa dove si parte, ma non dove si arriva”.
Il suo stile si ispira e appartiene alle correnti attuali di pittura che si sono sviluppate partendo dall'Inghilterra, tra "Bad Painting" ed espressionismo figurativo, come nelle opere dell’artista Cecily Brown, protagonista della nuova pittura inglese. Niente di casuale in quest'avvicinamento, quando si sa che Giuliana Fresco vive gran parte dell’anno a Londra e ha quindi saputo cogliere tutti gli elementi di un’attualità internazionale, che ritroviamo in Italia specialmente nella giovane generazione.

L'originalità del lavoro di Giuliana Fresco risiede anche nell’utilizzo dei colori, che l'artista sa comporre in una maniera vivace e brillante, sempre con armonia, giocando su tematiche eterne, risalendo talvolta alla tradizione pittorica del secolo XV, tal altra ai maestri del primo novecento come Cezanne, che la pittrice ama citare: "Quando il colore raggiunge la sua massima ricchezza, allora la forma raggiunge la sua pienezza". Questa frase del maestro francese illustra perfettamente la ricerca di Giuliana Fresco.

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Venti Correnti, con testi di Gianluca Ranzi e Dominique Stella.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram