Giorgio de Chirico - La scultura 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO DELLA PROVINCIA ​ Via Ricasoli 27 Arezzo 52100

Arezzo - dal 13 gennaio al 4 marzo 2018

Giorgio de Chirico - La scultura

Giorgio de Chirico - La scultura

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO DELLA PROVINCIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Ricasoli 27 (52100)
www.provincia.arezzo.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

A 130 anni dalla nascita e a 40 anni dalla morte di Giorgio de Chirico, Arezzo lo ricorda con una mostra del suo lavoro meno noto: la scultura
orario: 10.30 - 13.30 / 16.30 - 19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 gennaio 2018. ore 18
curatori: Fabio Migliorati
autori: Giorgio De Chirico
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
A 130 anni dalla nascita e a 40 anni dalla morte di Giorgio de Chirico, Arezzo lo ricorda con una mostra del suo lavoro meno noto: la scultura. La Provincia di Arezzo è lieta di presentare GIORGIO DE CHIRICO - La scultura, a cura di Fabio Migliorati.
L'esposizione è promossa dall'Associazione Culturale Arezzo Ars Nova, e sarà inaugurata sabato 13 gennaio 2018 alle ore 18.00 presso l'atrio d'onore del Palazzo della Provincia di Arezzo, con il patrocinio del Consiglio della Regione Toscana, della Provincia di Arezzo, della Camera di Commercio di Arezzo, e il sostegno di Chimet e Centro Chirurgico Toscano. La mostra è realizzata con la collaborazione di Casa d’aste Farsetti, Poleschi Arte, Galleria Tega, e di collezionisti privati. Fabio Migliorati, con la collaborazione di Giuseppe Simone Modeo, sceglie il suggestivo ambiente di un salone affrescato quale veste per evidenziare l'origine di un linguaggio che oggi, dalla seconda metà del Novecento, è divenuto riferimento iconografico e perfino stilema. L'uso dell'immagine adottata da Giorgio de Chirico è ancora capace di pronunciare un discorso linguistico varato sulla traccia del simbolo che, dal nulla dell'ordinario, diventa l'unicità straordinaria del tutto. In effetti per l'artista era fondamentale il "riconoscere" come azione della conoscenza, e quindi l'autore più vaticinante del XX secolo "sapeva" poiché poteva tradurre in modo nuovo il quotidiano. Ciò costituiva la ritualità dell'interpretazione del reale come significato dell'arte: un mondo al confine col sogno, un mondo strano in cui vive una foresta di simboli - per dirla con Baudelaire - fino a eleggere l'artista a sacerdote che sa capire e quindi comprendere. Tale intesa è l'esempio creativo di un'agire esoterico volto a un territorio segreto ma costruito sulla consuetudine e sulla prassi, e i cui confini si danno sempre come segno arcano, e alla cui fine sta tanto inevitabilmente quanto inspiegabilmente lo scorrere del tempo. Di qui il senso del pensiero di Nietzsche, Shopenhauer, Weininger, dei quali l'artista ammira il coraggio del porsi al puro confronto con una realtà vera, così vera che può solo divenire bellissimo mistero. Giorgio de Chirico sa poiché vaticina: sulla carta, sulla tela, sulla creta, sul bronzo; e riesce perché intuisce. E se Picasso non cerca, ma trova; allora de Chirico risponde, non domanda.
Il Presidente della Provincia di Arezzo Roberto Vasai dichiara: l'Amministrazione Provinciale è orgogliosa di ospitare l'opera di un artista tra i più significativi del Novecento italiano; un autore che, dalla sua altezza, sottolinea la dimensione popolare del vivere, il sentimento quotidiano della storia che diventa eccezione attraverso l'arte, considerando straordinaria la normalità, la vita di tutti i giorni. E proprio questo mi piace… quanto l'effetto visivo delle opere. Scrive Fabio Migliorati: La scultura di Giorgio de Chirico riassume varie espressioni della prima carica vitale contemporanea; il suo "immobilismo significante", che diventa mossa comune per tante forme di futura visione, prorompe da stratificati versanti culturali, districandosi nella massa segnica per un’attività che si evolve sulla scorta di una scontata interpretazione dell'ornamento e di una passiva attribuzione decorativa. Forme ibride, artificiali e naturali, oggettuali e geometriche, per l'omaggio a una fastosa alchimia della maschera, della grafia, della silhouette: a decorare l’intimismo di un sentire celebrato, forse per ripartire con lo spirito etnico della natura che sogna la cultura…
GIORGIO DE CHIRICO - La scultura è a cura di Fabio Migliorati; sarà inaugurata sabato 13 gennaio 2018 alle ore 18.00 alla presenza di Lucia De Robertis (Vicepresidente Consiglio Regione Toscana), Roberto Vasai (Presidente Provincia di Arezzo), Pasquale Giuseppe Macrì (Arezzo Ars Nova), Andrea Sereni (Vicepresidente Camera di Commercio italiana), Fabio Migliorati (Critico d'arte e Curatore). La mostra sarà visitabile dal 13 gennaio al 4 marzo 2018.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram