Giovanni Lamorgese - A tu per tu 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO NUOVA ERA ​ Strada Dei Gesuiti 13 Bari 70122

Bari - dal 13 gennaio al 15 febbraio 2018

Giovanni Lamorgese - A tu per tu

Giovanni Lamorgese - A tu per tu
A tu per tu, Giovanni Lamorgese.
Ph.Credits: Annalisa Conserva.
 [Vedi la foto originale]
MUSEO NUOVA ERA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Strada Dei Gesuiti 13 (70122)
+39 0805061158 , +39 0805061158 (fax), +393334462929
museonuovaera@alice.it
www.museonuovaera.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una mis en scéne teatrale, dove Lamorgese si concentra sull’elemento che quí rappresenta l’emblema dell’incontro e l’osservazione dell’altro: lo sguardo. Le figure permangono cosí mute, assorte in una sfida pacificamente intellettuale, sospese nella dimensione immateriale invisibile agli occhi.
orario: Martedì - Sabato ore 17:30 / 20:30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 gennaio 2018. ore 19.00
autori: Giovanni Lamorgese
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Venti teste come simbolo dell’essenza umana, disposte al centro dello scenario di ‘A tu per tu’, l’opera nata dalla serie ‘Bugie vere, vere bugie’, in cui l’artista evoca un racconto in bilico tra realtà e finzione attraverso un’allegoria delle maschere del quotidiano, servendosi di figure al limite del grottesco ed esaltandone i particolari morfologici nei volti.

Una mis en scéne teatrale, dove Lamorgese si concentra sull’elemento che quí rappresenta l’emblema dell’incontro e l’osservazione dell’altro: lo sguardo. Le figure permangono cosí mute, assorte in una sfida pacificamente intellettuale, sospese nella dimensione immateriale invisibile agli occhi. Il vuoto che divide le due file di teste lucide e dai lunghi nasi, serve a mantenere quella distanza minima per preservarsi e coltivare la determinazione necessaria ad affrontare qualsiasi accadimento.

Al piano inferiore le due macro copie, separate dalla parete perpendicolare della stanza, si ricollegano semanticamente al linguaggio dei pensieri; un autoritratto dell'autore e di un suo caro amico, rappresentati come maschere, divengono la personificazione di quei legami indistruttibili che ci uniscono agli altri, sfidando lo scorrere del tempo e i cambiamenti che porta con sé.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram