Danica Lundy - The ghost I made you be 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CANEPANERI/CONTEMPORARY ​ Foro Buonaparte 48 Milano 20121

Milano - dal primo marzo al 6 aprile 2018

Danica Lundy - The ghost I made you be

Danica Lundy - The ghost I made you be
Danica Lundy, bonefire, 2017, olio su tela, 152x182cm
 [Vedi la foto originale]
CANEPANERI/CONTEMPORARY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Foro Buonaparte 48 (20121)
+39 02 36768281
info@canepaneri.com
www.canepaneri.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La galleria C+N CANEPANERI è lieta di presentare The ghost I made you be, personale di Danica Lundy (Salt Spring Island, 1991), pittrice canadese alla prima esposizione in Italia. In mostra una selezione significativa della più recente produzione dell'artista, inclusi alcuni lavori inediti.
orario: lunedì - venerdì: 10-13/14.30-18
sabato su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 1 marzo 2018. ore 18
curatori: Stefano Castelli
autori: Danica Lundy
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La galleria C+N CANEPANERI è lieta di presentare The ghost I made you be, personale di Danica Lundy (Salt Spring Island, 1991), pittrice canadese alla prima esposizione in Italia. In mostra una selezione significativa della più recente produzione dell'artista, inclusi alcuni inediti realizzati per l'occasione.

Residente a New York, dove ha computo gli studi e ha iniziato la sua attività espositiva, Danica Lundy è autrice di una pittura difficilmente incasellabile in generi precostituiti.
L'espressività dello stile è il tratto principale: con un linguaggio diretto, ruvido e suggestivo, il dipinto trascina lo spettatore all'interno della scena raffigurata. I personaggi, paradossali e assieme credibili, si muovono in scenari oscuri, quasi post apocalittici; le loro azioni sembrano ludiche e gaudenti, ma il tono dell'insieme insinua il germe di una violenza soggiacente, pronta ad esplodere.
Non si tratta però di una pittura narrativa. L'apparente espressionismo dello stile e gli spunti individuabili nelle scene sono stemperati da una sorta di distacco, come un velo che congela la narrazione e esplicita la natura metaforica dei dipinti.

Pittura e disegno costituiscono un percorso parallelo per l'artista. Il disegno, anzi, praticato in maniera continua e instancabile, è all'origine dei dipinti (che pure prendono forma autonoma).
Senza sfociare nel citazionismo, la pittura di Danica Lundy attinge a riferimenti disparati, che fungono da innesco per l'immaginazione dell'artista. Letteratura, storia, fine art e arte popolare, controcultura e cultura popolare confluiscono in un immaginario "allucinato" e metaforico.

Anche il titolo della mostra è una citazione. Nel brano Treaty, Leonard Cohen canta "The ghost I made you be/only one of us was real and that was me". Versi che richiamano "l'identificazione tra individui, le strutture di potere che si creano tra le persone, il lento dispegarsi della personalità di un individuo in quella di un altro", come spiega l'artista.
In ultima analisi, i "fantasmi" che abitano i quadri di Danica Lundy siamo noi: identità incerte e fluttuanti sospese tra svago e violenza latente, godimento e soprusi, libertà e sorveglianza, frustrazione e inaspettati slanci poetici, individualismo e comunitarismo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram