Carla Horat - Argonautiche 3061 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva RISO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA - PALAZZO BELMONTE RISO ​ Via Vittorio Emanuele 365 Palermo 90134

Palermo - dal 14 febbraio al 14 marzo 2018

Carla Horat - Argonautiche

Carla Horat - Argonautiche

 [Vedi la foto originale]
RISO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA - PALAZZO BELMONTE RISO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Vittorio Emanuele 365 (90134)
+39 091320532 , +39 0916090166 (fax)
info@palazzoriso.it
www.palazzoriso.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il Polo Museale Regionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Palermo, presenta, negli spazi della foresteria, la mostra dell’artista elvetica Carla Horat che ha scelto Palermo come sua casa.
orario: martedì, mercoledì, domenica 10.00 - 19.30
giovedì, venerdì, sabato 10.00 - 23.30
lunedì chiuso, eccetto i festivi
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero euro 6
ridotto euro 3 – gratuito
vernissage: 14 febbraio 2018. h 17
curatori: Giovanni Bonanno
autori: Carla Horat
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Il Polo Museale Regionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Palermo, presenta, negli spazi della foresteria, la mostra dell’artista elvetica Carla Horat che ha scelto Palermo come sua casa. Argonautiche è un viaggio nel mito, visioni di mare, di cui l’artista evoca il mistero di colori, forme, riflessi, paesaggi, abissi, vastità, morbidezza e durezza. E’ anche un mare le cui acque si tingono del rosso del sangue, quello della Horat, che “nell’unità di una pittura satura di suggestioni e fragrante di blu”, come scrive Giovanni Bonanno nell’introduzione al catalogo, individua “ due dimensioni semantiche, che ne connotano la valenza all’interno di una propria dialettica. La prima definita da ampie stesure aeree, che sanno di nuvole danzanti nella spazialità, cadenzate da astrazioni formali à plat. L’altra contrassegnata da scattanti tratti magmatici, il cui dinamismo innerva nella materia un’indomita energia cosmica. Espressioni differenti di un profondo sentire in cui l’artista esplicita la sua concezione del mare, che contempla nella idealità del sogno o nella tormenta che si abbatte sulla vita”. “Il Polo del contemporaneo -dichiara la direttrice, Valeria Patrizia Li Vigni- apre una nuova riflessione sull'arte incisoria attraverso l'opera di Carla Horat Albiero che, con i suoi alberi spogli, i suoi paesaggi sempre diversi, i miti, i suoi colori acquerellati e intensi, offre innumerevoli suggestioni. Figlia di un noto acquerellista, nata a Basilea, docente di incisione all'Accademia di Belle Arti di Palermo e al Centro Internazionale di Grafica di Venezia, con la mostra Argonautiche, crea l'anello di congiunzione con il progetto della Sezione della stampa litografica che il Museo Riso è in procinto di inaugurare a Palazzetto Agnello. La donazione dell'intero mestiere litografico di Maurilio Catalano ha rappresentato il punto di partenza per questa straordinaria esperienza del Museo Laboratorio della stampa litografica”.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram