Liliana Moro - Underdog 3112 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA EMI FONTANA ​ Viale Bligny 42 Milano 20136

Milano - dal 10 marzo al 21 maggio 2005

Liliana Moro - Underdog
[leggi la recensione]

Liliana Moro - Underdog
[leggi la recensione]
GALLERIA EMI FONTANA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Bligny 42 (20136)
+39 0258322237 , +39 0258306855 (fax)
emif@micronet.it
www.galleriaemifontana.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nel lavoro di Liliana Moro i diversi media si incontrano: disegno, scultura, musica, parole, video e performance compongono il mondo di quest’artista
orario: da martedì a sabato 11-19,30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 10 marzo 2005. ore 19
editore: SKIRA
autori: Liliana Moro
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nel lavoro di Liliana Moro i diversi media si incontrano: disegno,
scultura, musica, parole, video e performance compongono il mondo di
quest’artista, che spesso utilizza materiali poveri e oggetti di uso
comune, figurando attraverso di essi una realtà cruda e poetica allo
stesso tempo.

In occasione della mostra l’artista presenterà un gruppo scultoreo in
bronzo, pensato per lo spazio della galleria.
Protagonista è il mondo animale; un branco di cinque cani a grandezza
naturale, immobilizzato nel momento dell’attacco, dà vita ad
un’immagine di forza, dove ogni slancio è reso immobile nella materia e
i ruoli restano incerti, in una lotta per il potere che non distingue
vincitori e vinti.

Liliana Moro (Milano 1961) é una delle artiste italiane più
rappresentative della sua generazione.
Fondatrice dello spazio di Via Lazzaro Palazzi, ha preso parte a mostre
pubbliche di rilievo internazionale quali Documenta IX, Kassel, 1992;
Aperto ‘93, XLV Biennale di Venezia, 1993; Wounds. Between Democracy
and Redemption in Contemporary Art, Moderna Museet, Stoccolma, 1998;
Minimalia, PS1, New York, 1999; I Biennale di Valencia, 2001; Les
Enfants Terribles. Il linguaggio dell’infanzia nell’arte 1909-2004,
Museo Cantonale, Lugano, 2004; Monuments for the USA, CCA Wattis
Institute for Contemporary Arts, San Francisco, Aprile 2005.
Le sue opere si trovano in importanti collezioni pubbliche e private
sia in Italia che all’estero: al Castello di Rivoli, al Museo Pecci di
Prato, al FNAC di Parigi, al FRAC di Orléans, al FRAC
Rhône-Alpes/Nouveau Musée di Villeurbanne, Lione, al MUHKA di Anversa,
alla Galleria d’Arte Moderna di Torino, al Centro per le Arti
Contemporanee di Roma.
Nel novembre 2004 è stata inaugurata una sua antologica alla Fondazione
Ambrosetti, Palazzolo s/O, Brescia, in corso fino ad aprile 2005.
E’ disponibile la monografia “Liliana Moro, La fidanzata di Zorro”,
edita da Skira.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram