Matteo Piccaia / Giorgio Piccaia - I segni di Piccaia 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MA-EC MILAN ART & EVENTS CENTER ​ Via Lupetta 3 Milano 20123

Milano - dal primo al 20 marzo 2018

Matteo Piccaia / Giorgio Piccaia - I segni di Piccaia

Matteo Piccaia / Giorgio Piccaia - I segni di Piccaia
Matteo Piccaia, Paesaggio, olio su tela, 1968
 [Vedi la foto originale]
MA-EC MILAN ART & EVENTS CENTER
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Lupetta 3 (20123)
+39 02 39831335 , +39 02 39831335 (fax)
info.milanart@gmail.com
www.ma-ec.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Inaugura giovedì 1 marzo presso la Galleria Milan Art & Events Center I segni di Piccaia, mostra inserita nel palinsesto Novecento Italiano del Comune di Milano. In esposizione dipinti e disegni del Maestro Matteo Piccaia, in dialogo con le opere del figlio Giorgio. Introduzione di Francesco Cevasco
orario: da martedì a venerdì ore 10-13 e 15-19. sabato 15-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 1 marzo 2018. ore 18.30
autori: Giorgio Piccaia, Matteo Piccaia
patrocini: Comune di Milano
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Inaugura giovedì 1 marzo presso la Galleria Milan Art & Events Center I segni di Piccaia, mostra inserita nel palinsesto Novecento Italiano del Comune di Milano.
In esposizione dipinti e disegni del Maestro Matteo Piccaia, in dialogo con le opere del figlio Giorgio.
Con questa antologica, Milano festeggia i 95 anni del Maestro Matteo Piccaia da poco compiuti e rende omaggio ad un pittore che, come ebbe a dire Carlo Munari, ha sempre mostrato il gusto della pittura, non come edonistico esibizionismo ma come piacere del colore come segno di nobiltà.
Il progetto rientra in Novecento Italiano, il palinsesto di oltre 150 iniziative ideato dal Comune per esplorare il secolo che ha determinato la costruzione del nostro presente. In questo programma bene si inserisce la mostra sull’arte dei Piccaia, padre e figlio, che tanto hanno contribuito ad arricchire il panorama artistico e culturale del ventesimo secolo.
Scriveva Carlo Munari: “Nelle opere di Matteo Piccaia l’immagine si avvale di ampi tagli che sommuovono lo spazio in una varietà di soluzioni prospettiche che gli ritolgono peso e lo definiscono come sede idonea per accogliere i fantasmi della fantasia. A far vibrare l’immagine a livello emozionale, è la luce, è cioè quella luminosità diffusa che s’innerva nel tessuto cromatico e che ora si distende uniforme, ora si addensa in un iter mutevole nel rispetto delle esigenze del racconto visivo.”.
E ancora Dino Buzzati negli anni’70: “Matteo Piccaia può essere definito un neo-figurativo emblematico […] Piccaia ama la luce, i colori vivaci, le atmosfere gaie. È un pittore che ha una grande fertilità di immaginazione.”
In dialogo con le opere del Maestro Matteo, alcuni lavori del figlio Giorgio, artista di spicco del panorama contemporaneo, che presenta sia dipinti degli inizi della sua carriera, sia opere recenti realizzate in questi ultimi mesi, così da offrire ai visitatori uno spaccato della sua ampia produzione.
Scrive di lui Claudio Bonvecchio “Giorgio Piccaia è diretto, conciso, tagliente e a questo stile impronta, senza esitazione, il suo lavoro, la sua ricerca: ad un tempo semplice, profonda, raffinata. E porta sino al fondo la sua ispirazione. Va sino in fondo perché vuole misurarsi con ciò che è “al fondo”. Anzi, vuole misurarsi con i “fondamentali”. Come mostrano le forme quadrate e tonde, che rimandano al cielo (i tondi) e alla terra (i quadrati). Perché cielo e terra sono il palcoscenico, ancestrale, dove Piccaia incide o traccia l’essenza delle cose. Sono gli sfondi naturali, dove ogni rappresentato è un simbolo e il simbolo si innerva nel rappresentato. Le presenze, nelle sue opere, sono altamente stilizzate, sino al punto - estremo – di apparire strutture archetipiche del profondo.”
Completano la mostra riviste, libri, fotografie e documenti d’epoca.

All’inaugurazione saranno presenti gli artisti.

Matteo Piccaia nasce nel 1923 a S. Donà di Piave. Lascia presto il Veneto per trasferirsi in Piemonte prima, e poi in Francia e in Svizzera, dove frequenta le scuole d’arte e poi gli ambienti artistici di avanguardia. È stato tra i fondatori della sede di Ginevra della Società di pittori, scultori e architetti svizzeri. Membro di numerose Accademie, ha partecipato a mostre collettive e personali in diverse città di Europa. Sue opere sono presenti in Musei italiani e svizzeri e in collezioni private sia europee sia americane. Di lui hanno scritto, tra gli altri, Dino Buzzati, Carlo Munari, Arnaldo Verri, Domenico Cara.
Giorgio Piccaia nasce nel 1955 a Ginevra. Frequenta sin da piccolo con il padre Matteo l’ambiente artistico di Ginevra e di Milano. Studia architettura al Politecnico di Milano, è allievo di Corrado Levi. A Milano realizza performance e happening. Fonda nel 1981 con amici poeti, attori, pittori e registi il giornale artistico Anastasia. Tra il 1975 e il 1982 studia in Polonia e in Italia con Jerzy Grotowski, grande drammaturgo del teatro contemporaneo. Oggi lavora tra Agrate Conturbia e Camaiore. Sue opere sono presenti in importanti collezioni private. Nel 2016 presenta a Milano, presso la Galleria MA-EC, Milan Art & Events Center la mostra personale Piccaia in Kaleido, che riscuote numerosi apprezzamenti da parte del pubblico e dei critici, con diverse uscite anche su riviste e siti web specializzati, tra cui Il Sole 24 Ore, Artribune e ArtsLife. Nel 2017 Roma e Ginevra e nel 2018 la Svezia hanno ospitato sue mostre.
Giorgio Piccaia è inserito in La Guida per investire 2017 di Corriere della Sera e Corriere Economia, capitolo sull’Arte, tra i 305 artisti più attivi in Italia da seguire nel 2017.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram