Ritratti di famiglia. Personaggi, oggetti, storie del Museo Civico fra Bologna, l'Italia, ... 3096 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/09/2018
Achille Funi e gli amici pittori di 'Novecento'
22/09/2018
Il fine settimana del Patrimonio. Sabato aperture serali a 1 euro in tutta Italia
21/09/2018
Babele e Stradivari. A Venezia, la Santa sede presenta una giornata di architettura e musica
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ​ Via Dell'archiginnasio 2 Bologna 40124

Bologna - dal 9 marzo al 19 agosto 2018

Ritratti di famiglia. Personaggi, oggetti, storie del Museo Civico fra Bologna, l'Italia, l'Europa

Ritratti di famiglia. Personaggi, oggetti, storie del Museo Civico fra Bologna, l'Italia, l'Europa

 [Vedi la foto originale]
MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dell'Archiginnasio 2 (40124)
+39 0512757211 , +39 051266516 (fax)
mca@comune.bologna.it
www.comune.bologna.it/museoarcheologico/
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra, a cura di Paola Giovetti e Anna Dore, ripercorre un'ideale linea del tempo che va dal 1522, anno di nascita di Ulisse Aldrovandi, al 1944, anno di morte di Pericle Ducati, lungo la quale si dispongono oltre 350 oggetti suddivisi in 18 sezioni tematiche e caratterizzati dal legame con le principali figure che hanno contribuito alla formazione e allo studio delle collezioni del museo.
vernissage: 9 marzo 2018. h 18.30
curatori: Anna Dore, Paola Giovetti
genere: documentaria, archeologia, arte antica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La mostra, a cura di Paola Giovetti e Anna Dore, ripercorre un'ideale linea del tempo che va dal 1522, anno di nascita di Ulisse Aldrovandi, al 1944, anno di morte di Pericle Ducati, lungo la quale si dispongono oltre 350 oggetti suddivisi in 18 sezioni tematiche e caratterizzati dal legame con le principali figure che hanno contribuito alla formazione e allo studio delle collezioni del museo.
Conducendo il visitatore lungo il percorso di sviluppo del modo di guardare all'antico, dal Seicento fino alla nascita della scienza archeologica e delle moderne strutture di valorizzazione e di tutela, si scopriranno inaspettate aperture verso vicende storico-politiche, culturali e sociali, in una narrazione a più voci che proietta la città di Bologna in un panorama italiano ed europeo già a partire dal XVI secolo.
L'inaugurazione si terrà venerdì 9 marzo alle h 18.30 alla presenza di Matteo Lepore, assessore alla Cultura e alla Promozione della città del Comune di Bologna.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram