Miguel Osuna - Continuum 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2018
Parte la campagna per finanziare il documentario dedicato alla Signora Ceppo di Twin Peaks
25/05/2018
L'ex produttore Harvey Weinstein si è consegnato alla Polizia di New York
25/05/2018
Online su Google, il museo digitale dedicato a Frida Kahlo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ART1307 - VILLA DI DONATO ​ Piazza Sant'eframo Vecchio Napoli 80137

Napoli - dal 16 maggio al 10 giugno 2018

Miguel Osuna - Continuum

Miguel Osuna - Continuum

 [Vedi la foto originale]
ART1307 - VILLA DI DONATO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Sant'Eframo Vecchio (80137)
+39 081660216 , +39 081665456 (fax)
info@art1307.com
www.art1307.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Residenza di artista in Napoli.
orario: Tutti i giorni su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 16 maggio 2018. h 18
curatori: Cynthia Penna
autori: Miguel Osuna
patrocini: Consolato Generale USA di Napoli
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Residenza di artista in Napoli
Per informazioni: Tel. 081 660216, info@art1307.com, www.art1307.com
Fb: https://www.facebook.com/art1307
Instagram: ISTITUZIONE_CULTURALE_ART1307
Pinterest: Art1307

La continuità di un gesto che condensa la continuità della storia di Napoli dalle sue origini greche ai nostri giorni. Una continuità che si esplicita in una stratificazione e che Osuna ha voluto rappresentare con il suo gesto espresso con grafite, penna stilo, penna biro, pennelli e spatole.
Una continuità gestuale che caratterizza la sua arte da molti anni e che si è allineata alla continuità della storia della città; anzi si è fusa con essa e ben ha interpretato quel flusso ininterrotto di storia e di storie, di leggende, di parola detta e trasmessa e recitata e cantata che rappresenta senza alcun dubbio lo spirito di questa città.
Una fluidità di parola e di musica, di fisicità, di danza e di movimento.
Il mare è fluido e racconta storie, porta con sé il vissuto di popoli che lo hanno attraversato e continuano a farlo oggi nel segno di una speranza. Napoli è una città fluida che non si connota in maniera regolare e ripetuta: una città fluida non tanto nei cambiamenti o nell’accettazione del nuovo, ma di certo nell’accettazione della diversità, della pluralità; fluida perché si adatta e si atteggia costantemente adattandosi agli eventi. Fluida perché accetta il diverso inglobandolo e modificandolo. Fluida perché ogni giorno si reinventa ed ogni giorno non è mai uguale al precedente e non sarà mai uguale ai successivi. Fluida perché tutto può accadere all’improvviso e nulla si modifica istantaneamente.
Rimane sempre sè stessa, ma mai uguale a sè stessa.
Osuna interpreta tutto ciò con la sua mano che fugge sulla tela in un gesto improvviso e repentino o indugia sulla tela in un gesto preciso, lento, minuzioso.
I diversi aspetti della città sono resi attraverso il colore: rosa per le albe, viola per i tramonti, blu per il mare, giallo per l’oro di Napoli.


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram