Il disegno dello scultore 3113 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/09/2018
Addio alla regina dell’editoria Inge Feltrinelli
19/09/2018
Paolo Icaro dona le fotografie del suo Prato in quattro tempi all'Università di Milano
19/09/2018
Gucci ha lanciato un account instagram dedicato agli amanti dell'arte
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO NOVECENTO ​ Piazza Di Santa Maria Novella 10 Firenze 50123

Firenze - dal 20 aprile al 12 luglio 2018

Il disegno dello scultore

Il disegno dello scultore

 [Vedi la foto originale]
MUSEO NOVECENTO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Di Santa Maria Novella 10 (50123)
+390552768224
comunicazione.cultura@comune.fi.it
www.museonovecento.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La prima di una serie di mostre che si focalizzeranno sul disegno come espressione creativa, “padre e madre di tutte le arti”.
orario: Lun - Mar - Mer - Sab - Dom | 11:00 - 20:00
Giovedì| 11:00 - 14:00
Venerdì | 11:00 - 23:00
Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero €8,50
ridotto €5,00
vernissage: 20 aprile 2018. h 18 su invito
curatori: Eva Francioli, Francesca Neri, Sergio Risaliti, Stefania Rispoli
autori: Louise Bourgeois, Luciano Fabro, Rebecca Horn, Jacques Lipchitz, David Smith, Rachel Whiteread, Adolfo Wildt
note: Il biglietto da diritto all’accesso alle esposizioni del piano terra e al
primo piano. Il secondo piano sarà chiuso per interventi di
riallestimento fino al giorno 25 maggio 2018.
genere: arte moderna e contemporanea

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
LA PRIMA DI UNA SERIE DI ESPOSIZIONI CHE SI FOCALIZZERANNO SUL DISEGNO COME ESPRESSIONE CREATIVA, “PADRE E MADRE DI TUTTE LE ARTI”.
Il Museo Novecento avvia un progetto espositivo pluriennale che si fonda sull’idea di disegno in rapporto alle altre discipline artistiche o scienze. In occasione della prima mostra “Il disegno dello scultore” – dislocata nelle sale al primo piano del Museo Novecento, ora trasformate in nuovo spazio espositivo – saranno presentate opere grafiche firmate da Adolfo Wildt, Jacques Lipchitz, David Smith, Louise Bourgeois, Luciano Fabro, Rebecca Horn e Rachel Whiteread, alternando figurazione e astrazione, studi sul corpo e indagini sullo spazio, schizzi e progetti.

Dai primi anni del Novecento ai nostri giorni, a dare conto della creatività artistica in “casa” dello scultore e in epoche diverse: dalle prove “simboliste” di Adolfo Wildt (Milano, 1868-1931), maestro di Fontana e Melotti, a quelle cubiste di Jacques Lipchitz (Druskininkai, Lituania, 1891-Capri, 1973) alle invenzioni segniche-gestuali di David Smith (Decatur, Indiana, 1906-Bennington, 1965) il principale scultore della generazione dell’Espressionismo astratto, e fino ai disegni propedeutici di Raquel Whiteread (Ilford, 1963), giovane erede della grande tradizione plastica anglo-sassone, per la quale “i disegni sono il diario quotidiano del lavoro”.

Completano il percorso i disegni di Louise Bourgeois (Parigi, 1911-New York, 2010), la cui verve grafica trascina sulla carta psicosi e ossessioni tipiche anche della sua scultura; quelli privati e poetici di Luciano Fabro (Torino, 1936-Milano, 2007), per il quale il disegno è una ginnastica della mano e della mente, del tatto e dello sguardo; quelli di Rebecca Horn (Michelstadt, Hesse, Germania, 1944), da sempre ossessionata dal disegno interpretato come manifestazione artistica immediata e libera. Accanto alle opere saranno esposte in alcuni casi sculture, nonché materiali di documentazione (film e documentari su ognuno dei sette artisti) che contestualizzeranno i disegni sia all’interno della ricerca e della pratica dei singoli artisti, sia in una riflessione più ampia sulla processualità artistica e sul rapporto tra invenzione ed esecuzione.

Il disegno dello scultore si propone così di analizzare e rimettere in gioco fondamenti e modelli propri dell’esperienza artistica e più in generale delle culture visive moderne e contemporanee attraverso segni, disegni, schizzi e abbozzi che dall’inizio del ‘900 giungono sino alla contemporaneità. Ricerca, analisi e studio delle immagini sono tutti insieme le basi di questo progetto espositivo che nella sua prima fase coinvolgerà artisti scultori di diversa generazione e cultura, ma che nei suoi sviluppi successivi alternerà focus monografici a ulteriori campionature e soprattutto a nuove incursioni nei campi della pittura e dell’architettura, della scienza e della letteratura.

Progetto espositivo ideato da Sergio Risaliti
A cura di Eva Francioli, Francesca Neri, Stefania Rispoli
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram