Camere 1. Le geometrie della luce 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva KROMYA ART GALLERY ​ Viale Stefano Franscini 11 Lugano 6900

Lugano - dal 2 maggio al 15 giugno 2018

Camere 1. Le geometrie della luce

Camere 1. Le geometrie della luce

 [Vedi la foto originale]
KROMYA ART GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Stefano Franscini 11 (6900)
+41 919227000
info@kromyartgallery.com
www.kromyartgallery.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Con una mostra dedicata a tre grandi maestri dell'optical art, apre a Lugano un nuovo spazio espositivo
orario: dal lunedì al venerdì - dalle 10.00 alle 18.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 2 maggio 2018. ore 18
autori: Alberto Biasi, Hugo Demarco, Francisco Sobrino
genere: arte contemporanea, inaugurazione, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Kromya Art Gallery è lieta di annunciare l'apertura del nuovo spazio espositivo in Viale Stefano Franscini 11 a Lugano , che sarà inaugurato il 2 maggio 2018 con la mostra "Camere 1" dedicata a tre grandi maestri dell'Optical Art: Alberto Biasi, Hugo Demarco e Francisco Sobrino. Il vernissage sarà arricchito da una introduzione di Giovanni Granzotto, considerato uno dei massimi studiosi sull'Arte Cinetica e Programmata e curatore di numerose mostre in tutto il mondo, oltre che dalla presenza dell'artista Alberto Biasi.

Kromya Art Gallery nasce dalla passione per la divulgazione dell'arte di Giorgio Ferrarin, dall'esperienza di Adriano A. Sala, Executive Master in Art Market Studies, e Tecla Riva, Artist Agent, i quali, ciascuno secondo le proprie competenze e peculiarità, hanno contributo alla concretizzazione dell'idea di "Kromya". La stessa vuole essere un punto di incontro legato all'arte e ai suoi attori principali: gli artisti. I progetti espositivi saranno ospitati in un palazzo storico, ex dépendance dell'adiacente Villa Saroli, e denominati "Camere", traendo ispirazione dalle varie stanze dal sapore antico di cui si compone la galleria. Sarà così possibile ricreare l'intimità tra l'opera d'arte e il suo pubblico.

Alberto Biasi (Padova, 1937) non è solamente uno dei più importanti fondatori del Gruppo N, con cui ha portato avanti nuovi canoni di ricerca ottico-percettivi, ma, grazie alla sua produzione da artista singolo, si è distinto per continuità nella sua indagine artistica diventando uno dei capisaldi internazionali dell'Arte Cinetica e Programmata. In mostra vengono presentate due opere storiche degli anni '60 che si caratterizzano degli elementi base studiati dall'artista padovano: l'ambiguità del vedere e il movimento dinamico che ne scaturisce. Per Biasi è infatti di fondamentale importanza l'esperienza ottica e fisica dello spettatore, il quale deve interagire con l'opera per riuscire a percepire l'immagine, che rimarrà pur sempre un inganno visivo. Per confermare l'importanza dell'artista nello studio di queste tematiche e la sua continua sperimentazione di nuove forme visuali anche successivamente allo scioglimento del Gruppo, vengono esposte diverse opere di serie più recenti degli anni '70 come i "Politipi" e degli anni duemila come gli "Assemblaggi".

Hugo Demarco (Buenos Aires, 1932-Parigi, 1995) cominciò a dipingere i suoi primi quadri ottico-cinetici in Francia, basandosi su una composizione di colori complementari e sul loro conseguente movimento e dinamismo programmato. Ispirandosi ai suoi amici e mentori Jesús Rafael Soto e Julio Le Parc, Demarco crea una sensibile vibrazione visiva nelle sue opere, che dalla tela trasporterà anche nelle sue sculture, utilizzando materiali lucenti e riflettenti come l'acciaio o nelle sue strutture luminose in movimento. La sua preferenza nel partecipare a mostre collettive, di miglior qualità interpretativa rispetto a mostre individuali secondo l'ideale cinetico, e la ripetitività quasi maniacale del suo pattern lo annoverano tra le più significative personalità dell'Op Art (abbreviazione di Optical Art usata in contrasto al termine Pop Art).

Francisco Sobrino (Guadalajara, 1932-Bernay, 2014) è presente in mostra con due acrilici del 1959, anno in cui si stabilisce a Parigi e inizia a studiare la struttura e la dinamica delle forme. Questi primi quadri, in bianco e nero, producono effetti ottici stranianti tramite le forme reticolari in continua variazione che l'artista crea sulle sue tele. L'anno dopo si unisce al GRAV (Groupe de Recherche d'Art Visuel) insieme a Le Parc, Morellet e altri, portando la sua produzione artistica a concentrarsi su forme tridimensionali e totemiche, di cui vengono esibiti alcuni esempi, riportando con coerenza le sue riflessioni sulla luce, la trasparenza e gli effetti percettivi che stimolano il senso della vista del fruitore.

Orari: dal lunedì al venerdì - dalle 10.00 alle 18.00
Viale Stefano Franscini 11, 6900 Lugano, Svizzera
www.kromyartgallery.com
info@kromyartgallery.com
T: +41 91 9227000
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram