Andrea Barbagallo - Body Ache 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2018
Quattro componenti per la nuova Commissione per il Sistema museale nazionale
20/06/2018
Fendi e Nico Vascellari ancora insieme, per la collezione maschile estate 2019
19/06/2018
Si riapre l’indagine sul furto della Natività di Caravaggio
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva DIMORA ARTICA ​ Via Matteo Maria Boiardo 11 Milano 20127

Milano - dal 9 maggio al 13 giugno 2018

Andrea Barbagallo - Body Ache

Andrea Barbagallo - Body Ache
Andrea Barbagallo, Body Ache
 [Vedi la foto originale]
DIMORA ARTICA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Matteo Maria Boiardo 11 (20127)
+39 3805245917
dimoraartica@gmail.com
www.dimoraartica.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra è incentrata sull’ossessiva riproduzione da parte dell’uomo del corpo biologico tramite strumentazioni tecnologiche.
orario: su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 9 maggio 2018. ore 18.30
curatori: Domitilla Argentieri Federzoni
autori: Andrea Barbagallo
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Dimora Artica presenta Body Ache, mostra personale di Andrea Barbagallo.
La mostra è incentrata sull’ossessiva riproduzione da parte dell’uomo del corpo biologico tramite strumentazioni tecnologiche. L'artista crea un microcosmo biodegradabile in cui le opere si modificano attraverso processi di decomposizione dovuti alle alterazioni termiche, all’aria, alle muffe, ai semi, alle contaminazioni. Le opere diventano materia che fa parte del mondo con un processo rituale, come un elettroshock, un soffio di vita.
Il modo in cui l'artista riporta in vita gli oggetti in mostra si ispira a pratiche micronesiane e polinesiane, raccolte sotto il nome di Cargocult. Il "Culto del Cargo" consiste nella venerazione di oggetti della società di massa e mezzi di trasporto da parte di società indigene venute in contatto con il mondo oltreoceano, al fine di invocare i propri dei e ricevere da essi beni di consumo. In questo modo gli oggetti diventavano un feticcio, un tramite, il ponte fra materiale e divino. Allo stesso modo il "cloud" si presenta come un luogo sacro dove, in un processo simile ma inverso, l’immaterialità dei file STL diventa materialità di oggetti stampati in 3D.
Nell’incarnazione attraverso la materia tecnologica, concetti come il divino e l’iperuranio si associano a pratiche tecnologiche come l’archiviazione di dati attraverso sistemi cloud. La trasformazione in materia fisica deriva dall’immateriale, dall’idea, dalla matrice spirituale che, a differenza del corpo di Cristo, non si eleva, ma in questo caso decade.


Andrea Barbagallo (Roma, 1994) crea opere biodegradabili che gettano un ponte tra arte, natura e tecnologia. Realizzate con l'ausilio di strumenti tecnologici, sono entità antropomorfe autonome che entrano in contatto con lo spazio, con cui creano connessioni simbiotiche. Grazie a un attento studio dei materiali e delle forme, i lavori danno vita a una narrazione sui temi del mondo e del corpo, spunti fondamentali nella poetica dell'artista. Tra le mostre recenti, Habitativo allo spazio Pophouse (Milano), Vendonsi a Casa Novecento (Monza), Lue allo Spazio Serra (Milano), 10x10 per alla galleria Davide Gallo (Milano).
 
Manifesta 12 - Palermo - La guida con tutti gli eventi e non solo
trovamostre
@exibart on instagram