Mattia Paoli - Tracce nel tempo 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ASSOCIAZIONE CULTURALE GADARTE ​ Via Sant'egidio 27/r Firenze 50122

Firenze - dal 19 al 31 maggio 2018

Mattia Paoli - Tracce nel tempo

Mattia Paoli - Tracce nel tempo
Tracce nel tempo
 [Vedi la foto originale]
ASSOCIAZIONE CULTURALE GADARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Sant'Egidio 27/r (50122)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Prima mostra personale del giovane ed emergente artista Mattia Paoli, designer, fotografo, pittore e scultore.
Sabato 19 maggio ore 17 circa durante l'inaugurazione l'artista
eseguirà una performace di pittura dal vivo.
Con il patrocinio del Comune di Firenze.
Orario tutti i giorni dalle 16 alle 19
orario: Tutti i giorni dalle 16 alle 19.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 19 maggio 2018. ore 17
curatori: Claudia Becchimanzi
autori: Mattia Paoli
patrocini: Conune di Firenze
genere: arte contemporanea, performance - happening, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Tracce nel Tempo è un percorso, istintivo ed analitico al medesimo tempo, attraverso il
quale è possibile studiare la composizione e scomposizione della materia, attribuibili
all’azione inarrestabile del Tempo.
L’impulso smuove la curiosità, trasforma l’iniziale desiderio dell’artista in necessità di
scomporre, di vedere oltre, di addentrarsi nella materia per carpirne i significati e le
sfaccettature, sempre diverse. Il caos del substrato, complesso e mai univoco, genera
ammirazione e sgomento nell’artista che, per esprimere tali idee, è portato a cercare
significanti mutevoli ed in continua evoluzione. Ne segue la razionalizzazione, la
geometria che cerca di contenere il fiume inarrestabile di concetti ed il susseguirsi
eraclitiano dei logoi. Il prodotto di tale alchimia è un’esplosione cromatica, con polimeri,
filati e metalli da cui sgorgano cascate di pittura. L’oro, il bianco ed il nero dominano,
come antitesi primordiale dalle origini antichissime, intervallate da una luce aurea,
raffigurazione dell’infinito. L’eternità si materializza anche attraverso le “plastiche” dei
dipinti e delle sculture che, simboli del tempo, sembrano quasi fondersi e divenire un
elemento indissolubile dell’ambiente circostante.
Tracce nel Tempo, oltre a rappresentare un percorso, diventa anche uno strumento per
osservare, da molteplici punti di vista, la polivalenza del reale. La mostra consente di
partire dall’esperienza soggettiva dell’artista, che “manda in frantumi” i mezzi a sua
disposizione per ricreare opere che riproducono l’eternità dei momenti come dei
microcosmi protetti da membrane plastiche ed ingabbiati in segni ripetitivi.
La visita diviene, poi, un percorso prettamente individuale, personale, riflessivo.
La mostra presenta, oltre ad opere inedite, i primi lavori dell’artista realizzati tramite
l’utilizzo di ruote ed oggetti circolari che, intinti in vernici, gli hanno consentito di
disegnare segni simili ad irregolari suoli stradali. Queste tracce manifestano quel “gesto
spontaneo” che esce dalla routine e che si tramuta in opera d’arte, infrangendo la ciclicità
del quotidiano nel tentativo di inseguire la fugace eternità del tempo.
A cura di Claudia Becchimanzi
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram