La Bellezza Ferisce 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2018
Quattro componenti per la nuova Commissione per il Sistema museale nazionale
20/06/2018
Fendi e Nico Vascellari ancora insieme, per la collezione maschile estate 2019
19/06/2018
Si riapre l’indagine sul furto della Natività di Caravaggio
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TEVERE ART GALLERY ​ Via Di Santa Passera 25 Roma 00146

Roma - dal 9 al 13 giugno 2018

La Bellezza Ferisce

La Bellezza Ferisce

 [Vedi la foto originale]
TEVERE ART GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di Santa Passera 25 (00146)
+39 06 5561290
info@tevereartgallery.net
www.tevereartgallery.net
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra collettiva della Factory della TAG – Tevere Art Gallery.
"La vera Bellezza mette a disagio, è qualcosa che fa male; ma non per quello bisogna evitarla, anzi. Siamo un po’ tutti masochisti, in fondo, e l’atto più bello del masochismo è amare la Bellezza. [...]" – Mustafa Sabbagh
orario: L M M : h. 17,30 – 19,30 oppure vedi Eventi TAG
Giorno di Chiusura: Domenica
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 9 giugno 2018. h. 19.30
curatori: Luciano Corvaglia
autori: Alessandro Arrigo, Re Barbus, Baruffetty, Peter Carroll, Giovanna Di Giacomo, Carmine Frigioni, Serena Galluzzi, Lara Garofalo, Sabrina Genovesi, Adriano Necci, Manuela Orunesu, Maurizio Perissinotto, Marina Taurini
genere: fotografia, arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
“La vera Bellezza ferisce. La vera Bellezza mette a disagio, è qualcosa che fa male; ma non per quello bisogna evitarla, anzi. Siamo un po’ tutti masochisti, in fondo, e l’atto più bello del masochismo è amare la Bellezza. Un sadico non può amare la Bellezza.”
In questa massima è racchiusa tutta la tensione poetica di Mustafa Sabbagh, recentemente riconosciuto come uno dei 100 fotografi più influenti al mondo ed uno dei più significativi artisti contemporanei.
Una riflessione dunque che mette insieme due concetti quasi antitetici ingenerando un’estetica del contro-canone.
La bellezza nell’arte è sempre stata motore di molte opere e riflessioni da parte degli artisti di tutti i tempi, concetto che si è evoluto e modificato nelle varie epoche storiche tanto nelle arti quanto all’interno della società.
Dall’ideale greco che gli Elleni sintetizzavano con l’espressione καλὸς καὶ ἀγαθός, bello e buono, principio che coinvolge le sfere dell’estetica e dell’etica, alla grazia ed eleganza del Rinascimento, allo stravolgimento del canone estetico dell’inizio del Novecento con il Cubismo, le Avanguardie, fino alla Body Art e alle performances, per arrivare all’arte contemporanea che torna ad esaltare la suprema bellezza se pur a volte attraverso corpi esasperati, maltrattati, distrutti.
Eppure la bellezza non è da intendersi solo fisica, ma anche intellettuale: “la bellezza in senso lato di una società, la sua apertura, mette a disagio perché è contaminazione, aggregazione, avventura, attrito, scambiarsi odori e sudori. È questa la bellezza, e per questo dico che la bellezza ferisce: perché disturba.”
Questa per un artista la vera sfida, la vera ricerca della bellezza oggi: saper riconoscere il bello prima ancora di catturarlo o interpretarlo. Perché, come diceva Einstein, “il mistero più grande è la nostra capacità di conoscere l’universo, di afferrarne la misteriosa semplicità e bellezza.”
Viviamo in tempi di valori alterati, spesso sovvertiti. Siamo figli minori di quella Grande Bellezza che Sorrentino trova ancora nell’arte, seppur risorsa ormai degradata, sminuita e ridicolizzata, di una società prosaica e decadente.
E probabilmente la “ferita” di cui parla Sabbagh altro non è che il segno, potente, del potere salvifico della bellezza. Uno scossone da questo torpore, una lacerazione, un atto vivifico, “qualcosa che ti fa sentire vivo e non vuol dire sentirsi bene, perché si può stare anche male a volte di fronte alla bellezza”. Come una feritoia che similmente a quanto accadeva per i tagli sulle tele di Lucio Fontana si affaccia sull'infinito e sull'eterno, sull'assoluto, sul mistero, sul divino, a prescindere dalla fede o meno dell'artista. Una voce che grida rivolta a un’umanità dimentica di se stessa, della sua bellezza, delle sue urgenze, dei propri vizi e virtù. Una ricerca della verità, dell’armonia racchiusa, anzi celata, nell’imperfezione, nell’indagine su un’oscura bellezza omni-comprensiva che riesca a sintetizzare sacro e profano, morale e immorale.
“La bellezza salverà il mondo” diceva Dostoevskij attraverso il suo principe Mishkin.
Sicuramente il mondo non può essere salvato da un ideale, perché qualunque ideale trasportato nella realtà è destinato a spirare nel caos. Allora non rimane che salvarsi da soli o da soli soccombere, ma lasciamo almeno che la Bellezza sia la nostra consolazione, il senso ultimo di tutto, anche dei lividi e delle cicatrici che pagheremo. Perché, quale che sia l’ipotesi di finale possibile, “da queste profonde ferite usciranno farfalle libere”. Libere finalmente.


__
Durata della mostra:
dal 9 al 13 Giugno
Orari:
L M M : h. 17,30 – 19,30 oppure vedi Eventi TAG
Giorno di Chiusura: Domenica
 
Manifesta 12 - Palermo - La guida con tutti gli eventi e non solo
trovamostre
@exibart on instagram