Lello Ronca - Squame di luce 3219 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/10/2018
Dopo 25 anni la statua di Zeus in trono torna a Baia
20/10/2018
Notturni da Chopin a Carlo Mattioli. All’Auditorium di Parma, concerto dedicato all’artista
20/10/2018
Il Sub-Marine di Giusva Pecoraino approda a Palermo

+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ECONTEMPORARY ​ Via Francesco Crispi 28 Trieste 34125

Trieste - dal 15 giugno all'undici agosto 2018

Lello Ronca - Squame di luce

Lello Ronca - Squame di luce

 [Vedi la foto originale]
ECONTEMPORARY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Francesco Crispi 28 (34125)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Sculture ammalianti, concettuali si decodificano in una sapiente padronanza della materia in rapporto al divenire dell’emozione. Lavori creati con plastiche specchianti, cangianti e magicamente modificabili, trasformano la figura dinnanzi svelando altre complessità di sfumature, colori e volumi
orario: dal giovedì al sabato dalle 17 alle 20 oppure su appuntamenti
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 giugno 2018. ore 19.00
curatori: Giada Caliendo
autori: LELLO RONCA
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
VENERDì 15 GIUGNO 2018 ORE 19.00 presso lo Spazio Espositivo EContemporary di Trieste si inaugura la mostra personale dell'artista salernitano Lello Ronca dal titolo "Squame di luce".
Segno come scia di vita, potenza del fuoco quale elemento primigenio, pieni e vuoti pari alle onde del mare; le opere di Lello Ronca, sculture ammalianti, solenni e concettuali si decodificano in una sapiente padronanza della materia in rapporto al divenire dell’emozione. Lavori creati con plastiche specchianti, cangianti e magicamente modificabili, trasformano la figura dinnanzi svelando altre complessità di sfumature, colori e volumi. Grandi fogli di plastica rigida vengono lavorati dal fuoco, mai a diretto contatto; l’artista conoscendo profondamente la materia, percepisce il momento esatto in cui l’elemento raggiunge il giusto livello di fluidità per essere modificato ed allora interviene con le dita, con la forza delle mani, con tutto il corpo. Ronca agisce sull’opera decidendo di annullare, a volte, parte della specchiatura, della lucentezza del materiale, questo non inficia la bellezza o l’intensità del lavoro, è soltanto un’esigenza necessaria all’irrequietezza creativa. I multiformi rilievi disegnano racconti a chi ha ancora la voglia di ascoltare e rappresentano il soffio del vento, la potenza della pioggia, il danzare del mare, elemento indomabile e possente che racchiude storia e mito, leggenda e sogno.
Ronca non usa più tele, non adopera attrezzature tradizionali “con Fontana è finita l’arte figurativa, l’arte si è dovuta necessariamente aprire a nuove frontiere di elaborazione, e la ricerca oggi è un continuo superamento” dice lo stesso artista, “oggi per me l’arte è questo: interrogarsi sulle forme senza più l’uso del pennello.” Le opere di Lello Ronca non sono vincolate alla “gravità” del lucente acciaio ma vivono nella leggerezza della plastica sapientemente sagomata con le proprie rientranze, i propri spessori, le proprie tensioni; le forme complesse, mai uguali, un po’ come la metafora della vita, rappresentano la sperimentazione nella sua inesauribile varietà.

La curatrice Giada Caliendo
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram