Islam e Firenze. Arte e collezionismo dai Medici al Novecento 3050 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/07/2019
Una gara da 2 milioni di euro per il risanamento del Museo Archeologico di Aquileia
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO NAZIONALE DEL BARGELLO ​ Via Del Proconsolo 4 Firenze 50122

Firenze - dal 21 giugno al 4 ottobre 2018

Islam e Firenze. Arte e collezionismo dai Medici al Novecento

Islam e Firenze. Arte e collezionismo dai Medici al Novecento

 [Vedi la foto originale]
MUSEO NAZIONALE DEL BARGELLO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Del Proconsolo 4 (50122)
+39 0552388606 , +39 0552388699 (fax)
www.bargellomusei.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Fra il Quattrocento e il primo Seicento sono numerose le testimonianze di arte islamica raccolte a Firenze: lo scopo principale di questa esposizione è quello di esplorare il cospicuo scambio di opere intercorso fra la capitale del Rinascimento e il mondo orientale islamico, con particolare riferimento al bacino del Mediterraneo.
vernissage: 21 giugno 2018. su invito
ufficio stampa: CIVITA GROUP
curatori: Giovanni Curatola
note: Anteprima stampa Giovedì 21 giugno ore 11.00
MOSTRA IN DUE SEDI: UFFIZI E BARGELLO
genere: documentaria, arte antica, arte etnica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Fra il Quattrocento e il primo Seicento sono numerose le testimonianze di arte islamica raccolte a Firenze: lo scopo principale di questa esposizione è quello di esplorare il cospicuo scambio di opere intercorso fra la capitale del Rinascimento e il mondo orientale islamico, con particolare riferimento al bacino del Mediterraneo.

Punto di forza della rassegna espositiva saranno la varietà e la qualità delle tipologie e delle opere esposte: tappeti, tessuti, materiali lignei, ceramici e vitrei, metalli, avori, pietre dure e manoscritti. I manufatti islamici delle collezioni granducali saranno affiancati da opere di altissimo livello provenienti da raccolte italiane e straniere, nonché da una sezione dedicata alle influenze delle importazioni orientali sulle botteghe e officine italiane.

Il percorso della mostra sarà diviso in due sedi: quella degli Uffizi, a prevalente valenza storica e incentrata sui secoli XV-XVII, e quella del Bargello attenta al “revival” del collezionismo d’arte islamica a cavallo fra Ottocento e Novecento, esemplificato da figure di antiquari e collezionisti importanti ed emblematiche: Bardini, Carrand, Franchetti e Stibbert
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram