Franco Toselli e gli artisti di portofranco. Soft Revolution 3113 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/09/2018
Addio alla regina dell’editoria Inge Feltrinelli
19/09/2018
Paolo Icaro dona le fotografie del suo Prato in quattro tempi all'Università di Milano
19/09/2018
Gucci ha lanciato un account instagram dedicato agli amanti dell'arte
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE ​ Viale Emilio Alemagna 6 Milano 20121

Milano - dal 12 luglio al 26 agosto 2018

Franco Toselli e gli artisti di portofranco. Soft Revolution

Franco Toselli e gli artisti di portofranco. Soft Revolution

 [Vedi la foto originale]
TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Emilio Alemagna 6 (20121)
+39 02724341 , +39 0289010693 (fax), +39 0272434208
info@triennale.it
www.triennale.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra presenta per la prima volta organicamente in uno spazio pubblico l’esperienza di “Portofranco”, documentandola con lavori storici e recenti.
vernissage: 12 luglio 2018. su invito
curatori: Elena Pontiggia
autori: Peter Angermann, Fabrizio Braghieri, Serena Clessi, Giorgio Colombo, Tony Cragg, Nicola de Maria, Bonomo Faita, Angelo Formica, Francesca Fornasari, Riccardo Gusmaroli, Jan Knap, Milan Kunc, Claus Larsen, Corrado Levi, Kazumasa Mizokami, Enzo Obiso, Charlemagne Palestine, Paola Pezzi, Lisa Ponti, Luigi Puxeddu, Rosa Maria Rinaldi, Salvo, Antonio Serrapica, Antonio Sofianopulo, Helgi Thorgils Fridjonsson, Franco Toselli, Giacomo Toselli, Giampaolo Truffa, Gabriele Turola
genere: architettura, arte contemporanea

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Dal 13 luglio al 26 agosto 2018 la Triennale di Milano presenta la mostra Franco Toselli e gli artisti di “portofranco”. Soft Revolution.
Franco Toselli, gallerista italiano fra i più noti internazionalmente per la sua tempestiva vicinanza ai movimenti di avanguardia degli anni Sessanta e Settanta, ha riunito a partire dagli anni Novanta, sotto il nome di “portofranco”, alcuni artisti, giovani e meno giovani, che, muovendo soprattutto dall’arte di Salvo, Luigi Ontani, Alighiero Boetti, Tony Cragg, Emilio Prini, e dal mondo poetico di Nicola De Maria, Jan Knap, Milan Kunc e Charlemagne Palestine, hanno praticato una pittura di ascendenza concettuale, caratterizzata da una intensa dimensione di liricità, affabilità e leggerezza. Non si tratta di un gruppo vero e proprio, ma piuttosto di un clima, di un’atmosfera condivisa, creata da una pittura che è insieme immagine e idea.

Il nome “portofranco” è scherzosamente legato a Franco Toselli stesso, ma evoca anche un’idea di libertà (in passato indicava i luoghi dove le merci non erano soggette a imposte doganali). “È come cercare una terra oltre l’oceano, una scommessa. È una situazione non codificata, un po’ indecifrabile… Non c’è un tema che ci unisce, non c’è un manifesto, non c’è un’ideologia. L’unico punto che accomuna tutti gli artisti è la libertà.” ha dichiarato Enzo Forese, uno degli artisti in mostra assieme a: Peter Angermann, Fabrizio Braghieri, Serena Clessi, Giorgio Colombo, Tony Cragg, Nicola De Maria, Bonomo Faita, Angelo Formica, Francesca Fornasari, Helgi Thorgils Fridjonsson, Riccardo Gusmaroli, Jan Knap, Milan Kunc, Claus Larsen, Kazumasa Mizokami, Corrado Levi, Enzo Obiso, Charlemagne Palestine, Paola Pezzi, Lisa Ponti, Luigi Puxeddu, Rosa Maria Rinaldi, Salvo, Antonio Serrapica, Antonio Sofianopulo, Giacomo Toselli, Giampaolo Truffa, Gabriele Turola.

Sono esposte in mostra opere di tutti questi artisti e di alcuni dei loro principali punti di riferimento, tra cui un importante lavoro di Tony Cragg, il famoso Girasole di Milan Kunc e la grande Spirale, 1988, di Peter Angermann.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram