Mauro Coppola - La stanza vuota 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2018
La tua zona living floreale, con la carta da parati di Frida Kahlo
17/07/2018
Una immersione virtuale tra i beni archeologici sommersi del Mediterraneo
16/07/2018
Artista inglese aggredito a Palermo. È in condizioni gravi
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA DEL CARBONE ​ Via Del Carbone 18a Ferrara 44100

Ferrara - dal 12 al 28 luglio 2018

Mauro Coppola - La stanza vuota

Mauro Coppola - La stanza vuota
la stanza vuota n.1 - 2014 olio e tecnica mista, 100x150cm
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA DEL CARBONE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Del Carbone 18a (44100)
+39 3939546489 , +39 0532761642 (fax)
acca.blu@libero.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Del ciclo “La stanza vuota” avviato qualche anno fa del quale una selezione di lavori trova posto in questa mostra personale, colpiscono alcuni aspetti. In primo luogo una tensione cromatica tesa ad una solarità [...] , un equilibrio compositivo, il senso quasi misterioso di dialogo muto tra oggetti
orario: dal mercoledì al venerdì 17.00-20.00; sabato e festivi: 11.00-12.30 e 17.00-20.00; chiuso il lunedì e martedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 12 luglio 2018. h 18.30
curatori: Ada Patrizia Fiorillo
autori: Mauro Coppola
patrocini: Comune di Ferrara
genere: arte moderna e contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La realtà del visibile
Ada Patrizia Fiorillo
Non so esattamente quando Mauro Coppola abbia avviato la sua esperienza di artista, principalmente di pittore. La sua biografia lascia intendere quasi da sempre, così da interpretare che questa passione si sia sviluppata in anni giovanili, parallelamente agli studi che lo avrebbero portato alla sua professione di notaio. Di certo nel tempo Mauro l’ha intensificata, in particolare dai primi anni Novanta. È un’esperienza condotta per cicli tematici che egli ha, di volta in volta, affrontato con grande libertà, cedendo senza preoccupazioni di sorta, sia a quello che può dirsi un dettato astratto, sia ad una matrice figurale in dialogo con la sensibilità del suo sguardo, proteso sul reale. Ugualmente con grande libertà e, direi, con la curiosità di chi ama sperimentare per comprendere e raggiungere il giusto equilibrio tra pensiero e immagine, egli si è confrontato con diverse tecniche, dalla pittura ad olio ai colori acrilici, dalla stesura piana della tempera allo spessore degli strati materici, fino alla dimensione più intima ed immediata del disegno.
Di questo suo disporsi che può anche sembrare, in termini di grammatica formale, eclettico, vanno, però, estrapolate alcune costanti: Mauro ha un particolare interesse per il colore e per ciò che esso riesce a tradurre in termini di luce, oltre che per una narrazione propriamente espressiva che non perde mai di vista la realtà, intesa quest’ultima come personale introspezione nella sfera dei sentimenti e delle emozioni che accompagnano la vita.
Del ciclo “La stanza vuota” avviato qualche anno fa del quale una selezione di lavori trova posto in questa mostra personale, colpiscono alcuni aspetti. In primo luogo una tensione cromatica tesa ad una solarità che rende questi dipinti densi di una suggestione d’impronta matissiana, di seguito un equilibrio compositivo nella stesura narrativa, infine il senso quasi misterioso di un dialogo muto tra oggetti e figure. Opere, dunque, nelle quali egli ha reso omaggio all’enigma dello sguardo che, per dirla con Merleau-Ponty, «apre sul mondo» restituito «al visibile mediante i segni tracciati dalla mano». Un cammino che, imboccato da tempo, è per lui, innanzitutto, una necessità che il felice ciclo qui presentato ben testimonia. Non deve infatti ingannare la riconoscibilità degli elementi, utensili, oggetti, figure, che essi assommano, giacché Mauro va ben oltre la loro istanza figurale: il titolo dato a questo ciclo lo sintetizza ampiamente e la presenza dello specchio in alcuni di essi – sulla scia di Juan Gris – ne è una prova. Come lo sguardo, lo specchio, ci dice ancora il filosofo, «è lo strumento di una magia universale che trasforma le cose in spettacoli e gli spettacoli in cose, me stesso nell’altro e l’altro in me stesso».
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram