Rebecca Olsen - Skin 3067 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/11/2018
#MyRavenna. Be inspired: un video contest per raccontare la città
19/11/2018
Leda e il cigno, a luci rosse. Una nuova pittura parietale emerge dagli scavi di Pompei
19/11/2018
50mila fuochi d'artificio sul cielo di Firenze. La performance pirotecnica dell'artista cinese Cai Guo-Qiang
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SRISA GALLERY OF CONTEMPORARY ART ​ Via San Gallo 53/r Firenze 50129

Firenze - dal 13 settembre al 14 ottobre 2018

Rebecca Olsen - Skin

Rebecca Olsen - Skin

 [Vedi la foto originale]
SRISA GALLERY OF CONTEMPORARY ART
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via San Gallo 53/r (50129)
C/o Santa Reparata International School Of Art
+39 0554627374
rolsen@santareparata.org
www.santareparata.org/gallery/gallery_home.html
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La Srisa Gallery presenta la prima mostra personale di Rebecca Olsen (Firenze, 1975).
orario: da lunedi a venerdi ore 10-21
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 settembre 2018. ore 19:00
curatori: Pietro Gaglianò
autori: Rebecca Olsen
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Nata in una famiglia di artisti, e cresciuta a contatto con il mondo della creazione artistica, Olsen ha sempre coltivato una osservazione attenta della realtà confrontandosi con i linguaggi espressivi del disegno della pittura, della fotografia e delle varie tecniche dell’incisione.
“Skin” raccoglie una selezione di opere, monotipi e foto, tutte realizzate nel corso degli ultimi anni, che riflettono una spiccata sensibilità per il colore e la forma. La geometria della città viene raccontata da due diverse distanze, sfruttando e sperimentando le possibilità del medium e rivelando corrispondenze tra il profilo dello skyline e la pellicola che avvolge la città storica.
Nella serie dei monotipi prende forma una città immaginaria in cui le sagome di grattacieli, cupole e edifici industriali si sovrappongono stagliandosi contro un cielo chimico, con i colori dei tramonti di Turner e la grana di una superficie naturale.
Le fotografie interpretano una natura organica della pelle del centro storico: porzioni di muri ricoperti da patine successive di affissioni e imbiancature, osservate da vicino, mostrano una vitalità che ne racconta la storia, lo scontro tra ordine e espressione spontanea, l’eterogeneità della società.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram