Anthony Moman – Wazzap 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/09/2018
Sei racconti alla Casa delle Donne di Roma. Raffale Gavarro parla della differenza
22/09/2018
Achille Funi e gli amici pittori di 'Novecento'
22/09/2018
Il fine settimana del Patrimonio. Sabato aperture serali a 1 euro in tutta Italia
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA FUTURA ​ Via Giuseppe Garibaldi 10 Pietrasanta 55045

Pietrasanta (LU) - dall'undici agosto al 15 settembre 2018

Anthony Moman – Wazzap

Anthony Moman – Wazzap

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA FUTURA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giuseppe Garibaldi 10 (55045)
+39 3383362101
info@galleriafutura.com
www.galleriafutura.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Saranno le emoticons le protagoniste di WAZZAP?! la mostra personale di Anthony Moman, che inaugura sabato 11 agosto, presso Futura Art Gallery. Il termine coniato nel 1988, deriva da «emotion » e «icon», e si traduce in icona delle emozioni, emozioni che prendono vita nelle stravaganti opere realizzate dall’artista britannico, attraverso un medium più che insolito: le siringhe.
orario: tutti i giorni 18.30 - 00.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 11 agosto 2018. ore 19
autori: Anthony Moman
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Saranno le emoticons le protagoniste di WAZZAP?! la mostra personale di Anthony Moman, che inaugura sabato 11 agosto, presso Futura Art Gallery. Il termine coniato nel 1988, deriva da «emotion » e «icon», e si traduce in icona delle emozioni, emozioni che prendono vita nelle stravaganti opere realizzate dall’artista britannico, attraverso un medium più che insolito: le siringhe. La mostra sarà visibile a Pietrasanta, in Via Garibaldi 10, fino al 15 settembre.

Moman da sempre si appropria di materiali industriali non convenzionali, impopolari e li trasforma in seducenti oggetti del desiderio, trasmettendo messaggi sottili, ironici e “pungenti”.
Nelle sculture, le singole siringhe si metamorfizzano in altra forma creando un’interferenza strutturale. Una sinergia come “creazione di un insieme che è molto di più della semplice somma delle parti, deriva dalla parola greca synergos, che significa cooperare e lavorare insieme”. Da questo concetto prendono forma le faccine, utilizzate ogni giorno e sdoganate grazie all’uso delle nuove frontiere della comunicazione, esse sono il modo più utilizzato oggi per esprimere emozioni e stati d'animo. Con buona probabilità potremmo dire che tutti noi oggi abbiamo utilizzato un’emoticon, così come almeno una volta nella vita abbiamo avuto a che fare con una siringa.

L'artista, nato a Londra nel 1966, formatosi in arte e design, si distingue per uno stile che incorpora le osservazioni ironiche della società contemporanea. Le sue sculture fatte di siringhe, provocano reazioni miste: disagio e pensieri comunemente associati all'uso delle droghe, all'HIV, evocano la chirurgia estetica e con essa il costante desiderio di ottenere, attraverso continui ritocchi, l'aspetto perfetto; e ancora vaccinazioni infantili, visite dal dentista, trattamenti salva vita per il diabete, procreazione assistita, oscillando costantemente tra pensieri negativi e positivi, quasi a ricordarci come la nostra sopravvivenza si trovi, molto spesso, a dover dipendere da una siringa.

Siringhe che meritano il giusto rispetto da parte della storia dell'umanità, siringhe che Anthony Moman cerca di sacralizzare nelle sue opere, trasfigurandole per riscattarle dall'anonimato cui sono state rilegate. Artista di cui sentirete molto parlare, alcuni dei suoi lavori più recenti, sono stati esposti al Deus Ex Macchina Milano, Temporanea per Milano Design Week presentata da Futura Gallery e nella stessa galleria a Pietrasanta, durante la Collettiva "Pi Greco”; al Palazzo Ducale di Lucca con ‘Andare Oltre Si Puo’ durante la mostra collettiva di beneficenza a favore di Downs Sindrome dei bambini.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram