Stefano Camaiti - I Luoghi della Rosa 3044 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/09/2018
Paolo Icaro dona le fotografie del suo Prato in quattro tempi all'Università di Milano
19/09/2018
Gucci ha lanciato un account instagram dedicato agli amanti dell'arte
19/09/2018
Open Day RUFA: l'Accademia presenta i suoi nuovi spazi al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CIRCOLO DEGLI ARTISTI CASA DI DANTE - SOCIETA' DELLE BELLE ARTI ​ Via Santa Margherita 1 Firenze 50122

Firenze - dal primo al 13 settembre 2018

Stefano Camaiti - I Luoghi della Rosa

Stefano Camaiti - I Luoghi della Rosa

 [Vedi la foto originale]
CIRCOLO DEGLI ARTISTI CASA DI DANTE - SOCIETA' DELLE BELLE ARTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Santa Margherita 1 (50122)
+39 055218402 , +39 055218402 (fax)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

“I Luoghi della Rosa” è una mostra che non solo documenta la vastità degli interessi e la ricchezza delle intuizioni di Stefano Camaiti, ma testimonia anche la sua capacità di trasporre cronaca contemporanea e Storia sul medesimo orizzonte di eternità, attraverso l’espressione artistica.
orario: da martedì a domenica ore 10-12 e 16-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 1 settembre 2018. 0re 16.30
curatori: Virginia Bazzechi Ganucci Cancellieri, Alessia Lenzi
autori: Stefano Camaiti
patrocini: Comune di Firenze
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa

“Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza»
(Divina Commedia, Inferno c. XXVI, vv. 100-120).

Nel mese di Settembre le prestigiose sale della Società delle Belle Arti-Circolo degli Artisti “Casa di Dante” di Firenze, accoglieranno la nuova mostra personale di Stefano Camaiti. Una rassegna artistica che vedrà il pittore di Sansepolcro coinvolto nel doppio ruolo di artista e ricercatore.
La mostra, intitolata “I Luoghi della Rosa”, è concepita seguendo un percorso espositivo che si snoda attraverso due sezioni principali. Due sezioni che pur nella diversità dell’oggetto trattato, sono strettamente connesse da un fil rouge sotterraneo che lega ogni singola opera; un filo rosso che risiede nell’amore dell’uomo per il suo territorio (Alta Valtiberina toscana) e nell’inesauribile desiderio di conoscenza che trasformano l’artista in un moderno Ulisse, sospinto dalla volontà di superare i limiti “delle colonne d’Ercole” dei propri orizzonti conoscitivi.

La prima sezione della mostra comprende una serie di incisioni, disegni ed elaborati pittorici incentrati sul tema della rosa canina. Partendo dal ritrovamento di un piccolo frammento di piatto rinascimentale recante lo stemma di una nobile famiglia di Sansepolcro, un motto latino ed una rosa, si aprono nuove chiavi di lettura che uniscono, attraverso “l’icona floreale della rosa canina”, i luoghi di Sansepolcro alle opere di Piero della Francesca. La rosa canina non solo nell’antichità era largamente diffusa nella zona dell’appenino tosco-romagnolo ed ampiamente impiegata per le sue qualità terapeutiche ed officinali, ma ricorre ripetutamente come simbolo floreale in numerose creazioni artistiche del grande maestro rinascimentale. Nelle opere di Stefano Camaiti la rosa canina rivive quindi nella sua suggestiva bellezza naturalistica, intessendo i fili di una complessa trama che intreccia passato e presente, storia e simboli mariani, arte e ricerca e che, a distanza di secoli, ancora seduce con nuovi ed interessanti piani di interpretazione.
La seconda sezione della mostra comprende contributi pittorici che con estrema fedeltà e sensibilità naturalistica ripropongono suggestivi frammenti del paesaggio tosco-romagnolo. I profili di queste valli e terre prendono forma da spatolature e pennellate saettanti, intense e rapide, rivelatrici di un pittore pieno di passione il cui sguardo puro e genuino non si sofferma solo sulle apparenze naturali, ma coglie e registra colori, suoni, odori e atmosfere impregnando la materia pittorica del genius loci di questi posti. E’ nuovamente il profondo legame dell’artista alla sua terra ad alimentare la linfa creativa di questa serie di dipinti, ma non solo.
Come per la prima sezione infatti, la ricca tessitura cromatica delle opere non si presta unicamente ad una adulazione estetica e sensista dell’osservatore, ma cattura nei densi impasti vere e proprie testimonianze storiche. Ripercorrendo i sentieri letterari (poi abbandonati) di passati studi danteschi volti a rintracciare luoghi narrati nella Divina Commedia, Camaiti porta avanti con successo un’indagine che collega alcuni passi dell’Inferno dantesco ad un itinerario che dal Casentino, attraverso la giogaia del Bastione, giunge alle sorgenti del Tevere. Precipizi e forre descritte nelle visioni infernali del sommo poeta rivivono così nei verdeggianti e remoti paesaggi di luoghi reali ritratti dall’artista Camaiti. A distanza di quasi un secolo, Camaiti porta a compimento la felice intuizione del Bassermann che auspicava l’interesse di “uomini volenterosi, ben addentro nella storia municipale e nell’etnografia” che sciogliessero il “nodo gordiano”, individuando “i luoghi del nostro Appenino, così vividamente descritti nella Divina Commedia […] e ch’egli conosceva a maraviglia, perché per quello era passato”. Un progetto pittorico dunque complesso le cui potenzialità, non sono solo dichiaratamente artistiche ma anche di natura turistica, rendendo possibile la creazione ad esempio di percorsi di trekking, culturali, artistici e spirituali.
“I Luoghi della Rosa” è dunque una rassegna artistica che non solo documenta la vastità degli interessi e la ricchezza delle intuizioni di Stefano Camaiti, ma testimonia anche la sua capacità di trasporre cronaca contemporanea e Storia sul medesimo orizzonte di eternità, attraverso l’espressione artistica. “Historia vero testis temporum, lux veritatis, vita memoriae, magistra vitae, nuntia vetustatis.- La storia è vera testimone dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra di vita, messaggera dell’antichità.” (Marco Tullio Cicerone)
L’inaugurazione della mostra personale di Stefano Camaiti “I Luoghi della Rosa” avrà luogo Sabato 1 Settembre 2018 alle ore 16.30 presso la Società delle Belle Arti- Circolo degli Artisti “Casa di Dante”, in via Santa Margherita n.1/r, Firenze. L’artista sarà presente all’inaugurazione.

La mostra è sponsorizzata da “Simply Market” e da “Tratos Cavi” di cui si ringrazia in special modo il dottor Bragagni.

Virginia Bazzechi Ganucci Cancellieri

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram