Suitcase Project: L'Arte viaggia in valigia 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO RIZZATO ​ Piazza Silva 65 Marano Vicentino 36035

Marano Vicentino (VI) - dal 16 novembre al 7 dicembre 2018

Suitcase Project: L'Arte viaggia in valigia

Suitcase Project: L'Arte viaggia in valigia

 [Vedi la foto originale]
SPAZIO RIZZATO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Silva 65 (36035)
+39 0445 623323
spaziorizzato@gmail.com
www.facebook.com/SpazioRizzato
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La prima tappa della mostra itinerante che fa viaggiare per tutta Italia all'interno di una valigia le opere di 7 artisti contemporanei per facilitare la diffusione dell’Arte, includendo nel legame tra artista e opera anche le comunità locali coinvolte. Il tema comune delle opere è il viaggio.
orario: da lunedì a sabato ore 9 - 12 e 16 - 19
chiuso lunedì mattina e domenica
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 16 novembre 2018. h 20.30
curatori: Erika Lacava
autori: Fabio Adani, Annamaria Gelmi, Alessandro Lobino, Lucia Pescador, Fabio Presti, Fabio Refosco, Dado Schapira
patrocini: Comune di Marano Vicentino
genere: arte contemporanea, performance - happening, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Dopo la sua presentazione a Milano, fermerà da Spazio Rizzato per la prima tappa espositiva “SUITCASE PROJECT – L’Arte viaggia in valigia”: la mostra itinerante che girerà l’Italia letteralmente dentro una valigia.
Il progetto trae ispirazione, e ne celebra il 50° anniversario, dal metodo adottato da Lucy Lippard, critico d’arte e curatrice statunitense, per organizzare le sue “Number shows” (1968): mostre di arte concettuale, smaterializzate, che viaggiavano di artista in artista, di Paese in Paese, con le istruzioni di realizzazione contenute in una valigia, per portare l’arte al di fuori dei musei, con esposizioni itineranti nelle piazze, nelle strade e nei parchi cittadini.
Con il suo carico di opere d’arte di piccolo formato chiuse in un mezzo di trasporto leggero, anche “SUITECASE PROJECT” desidera facilitare la diffusione dell’Arte, attivando dinamiche singolari di interazione tra artisti, opere e diverse comunità locali di tutto il Paese.
Sono sette gli artisti contemporanei chiamati a interpretare il tema del viaggio secondo modalità e con mezzi differenti, per un insieme di opere intimo, poetico e suggestivo: dalla riflessione di Fabio Adani sui “Confini”, con opere quasi evanescenti abbinate in dittico a fotografie, agli “Skyline” delle Dolomiti di Annamaria Gelmi dai profili montuosi capovolti, fino alle cime rosa al tramonto accennate dai fili rossi tirati da Dado Schapira. Dai paesaggi lacustri dell’“Inventario del Novecento con la mano sinistra” di Lucia Pescador, alle “Dolci Mete”: paesaggi rotondi e materici, fatti di gesso e ruggine, di Fabio Presti. Dagli “Orizzonti” nebbiosi di Fabio Refosco: frammenti della linea di confine tra terra e cielo, alle esplorazioni del sottosuolo nei “Contemporary Fossils” di Alessandro Lobino: carotaggi in resina e pane.
Come nell'idea originaria di Lucy Lippard, ogni artista in ciascuna sede avrà assoluta libertà di allestimento, nella convinzione che ogni sguardo, in special modo d’artista, possa fornire una narrazione diversa, combinando in vario modo gli stessi elementi compositivi: come risultato si otterranno dieci mostre diverse per allestimento, riadattamento agli spazi espositivi con la specificità del Genius loci.
La mostra sarà visitabile liberamente allo Spazio Rizzato fino al 7 Dicembre 2018 e proseguirà poi attraverso le sedi espositive aderenti sul territorio italiano, per un totale di dieci luoghi sparsi tra Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Sardegna, fino all’estate 2019.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram