Jared Deery - The Hanging Gardens 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/01/2019
Slitta la data di apertura del parco a tema Studio Ghibli di Hayao Miyazaki
14/01/2019
Smorfie su richiesta. Al Macro Asilo, le performance face to face di Pino Boresta
13/01/2019
Messico: trovato il primo tempo dedicato al culto di Xipe Tótec, risale a circa 1000 anni fa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva BOCCANERA GALLERY ​ Via Alto Adige 176 Trento 38121

Trento - dal 9 novembre 2018 al 2 febbraio 2019

Jared Deery - The Hanging Gardens

Jared Deery - The Hanging Gardens
Jared Deery, A Still, Volcano Flower, 2018, acrylic on canvas, 122 x 183 cm, detail
 [Vedi la foto originale]
BOCCANERA GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Alto Adige 176 (38121)
+39 0461984206 , +39 0461984206 (fax), +39 3405747013
info@arteboccanera.com
www.arteboccanera.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

I dipinti di Jared Deery sono composizioni floreali che, come nel giardino delle meraviglie, non potrebbero esistere naturalmente nello stesso momento e nello stesso luogo. Sono giardini della memoria, che raccolgono fiori notturni e diurni che sbocciano insieme a piante sempre verdi e tenere erbe.
orario: da martedì a sabato ore 14-10
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 9 novembre 2018. ore 17.00
catalogo: in galleria.
autori: Jared Deery
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Boccanera Gallery - Trento, ha il piacere di presentare la mostra personale dell’ artista Jared Deery (USA), The Hanging Garden.

Un nuovo capitolo è iniziato per Boccanera Gallery. Dopo essersi affermata negli ultimi dieci anni rappresentando artisti emergenti provenienti dall'Est Europa, mantenendo lo stesso approccio radicale e innovativo, Boccanera Gallery vira verso l'Occidente. Giorgia Lucchi Boccanera apre alle Americhe con una doppia personale di due artisti provenienti dal nuovo mondo - Argentina e Stati Uniti - consolidando il suo supporto per artisti emergenti e midcareer con una ricerca non convenzionale.

In The Hanging Garden, con le sue pitture a olio su tela, acrilico su tela e inchiostri Giapponesi su carta, Jared Deery ricrea la fauna botanica dei giardini sospesi di Babilonia.
Deery presenta una serie di composizioni floreali che, come nel giardino delle meraviglie, non potrebbero esistere naturalmente nello stesso momento e nello stesso luogo. Questi sono infatti giardini della memoria, che raccolgono fiori notturni e diurni che sbocciano insieme a piante sempre verdi e fragili e tenere erbe. Il percorso espositivo riprende l'assetto architettonico dei giardini sospesi, creando una composizione visiva in diversi livelli, con dipinti che, come piante secolari, arrivano dal passato e convivono con i fiori di stagione, ossia le opere recenti.

Nel lavoro di Jared Deery, la rivisitazione della natura morta mantiene il canone classico dell'inanimato a soggetto floreale, unendolo alla tradizione pittorica nordamericana sospesa tra il lirismo del color field painting di Helen Frankenthaler e l'irriverenza fumettistica di Philip Guston, pubblicando l'isolata e contemplativa pratica di studio tra meditazione e onirico stato di coscienza.

Nel suoi dipinti, Deery ritrae nature morte provenienti dalla memoria e le reintroduce nel suo quotidiano. Il suo lavoro è un flusso di coscienza che trasforma i soggetti floreali in oggetti animati e pulsanti, attraverso l'uso del colore e la composizione delle superfici. La texture ricavata dalla pittura liquida che scorre sulla tela, introduce un elemento organico vivo nella composizione. I soggetti si trasformano da oggetti inanimati in materia viva: i petali sono pelle, gli steli membra che si muovono in uno scenario onirico sospeso tra il ricordo e il sogno.

La mostra The Hanging Garden, converge, quindi, sulla riflessione della dimensione personale innalzata a meraviglia del mondo, a monumento alla memoria, ma nella piena consapevolezza del Memento Mori.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram