Alessandro Angeletti - Sulla linea di Mercurio 3112 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Judy Chicago e Max Mara insieme, per una t-shirt a edizione limitata
10/12/2018
Babbo Natale in manette e Banksy non autorizzato. Due murales di TvBoy compaiono al MUDEC
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA SPAZIO 40 ​ Via Dell'arco Di San Calisto 40 Roma 00153

Roma - dal primo al 6 dicembre 2018

Alessandro Angeletti - Sulla linea di Mercurio

Alessandro Angeletti - Sulla linea di Mercurio
A cena da Van Gogh
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA SPAZIO 40
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dell'Arco Di San Calisto 40 (00153)
+39 3491654628
www.spazio40galleria.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La pittura di Alessandro Angeletti punta a raccontare, nelle singolarità irriproducibili dei suoi quadri, le variabili incontrollabili dell’essere umano, siano essi stati d’animo o azioni compiute.
orario: 12 - 20, mercoledì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 1 dicembre 2018. ore 17.30
catalogo: in galleria. A cura di Caterina Brazzi Castracane, stampato in proprio, pp 69
autori: Alessandro Angeletti
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Sulla linea di Mercurio
La pittura di Alessandro Angeletti mostra una natura ancestrale, primitiva, da guardarsi con la lente dell’intuizione prima che con quella della conoscenza. Le sue cascate di colori servono ad attrarre: lo sguardo si posa, il cervello si interroga e il cuore sente. Solo a quel punto si palesano i di-segni, un fraseggio raffinato dell’artista, da leggersi in sezioni, come strisce di fumetto, e capace di raccontare, con parole non parole, il destino astrologico di personaggi e grandi rivoluzioni. Come nelle pitture rupestri e poi, molto tempo dopo, nei grandi murales dell’arte contemporanea, nei quadri di Angeletti i simboli giocano il doppio ruolo di significante e significato, esteticamente idonei per essere ammirati e densi di senso per essere letti. Così la sua pittura si trasforma in racconto, di vita, di luoghi, eventi e situazioni, il tutto trascritto e leggibile nei dettagli dipinti (…)

Esiste un di più, che Angeletti rende palpabile con il colore e con i dettagli del disegno, che ha a che vedere con l’imperscrutabile orizzonte della vita e della storia, fatto di sfumature, di campiture e pennellate date a velocità alterne, e reso unico per ciascuno nella propria individualità. A questo punta la sua arte. A raccontare, nelle singolarità irriproducibili dei suoi quadri, le variabili incontrollabili dell’essere umano, siano essi stati d’animo o azioni compiute; la sua perfezione formale, la precisione rigorosa e la scientificità della sua lingua astrologica appaiono allora ancora più importanti, perché applicate alla comprensione della profondità dell’individuo e del suo inconscio, dove silenti, talvolta, ristagnano talenti e complessità nate con noi al cospetto dei pianeti e dei loro movimenti.
(Caterina Brazzi Castracane)
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram