Francesco Levy - About Memory and on being elsewhere 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA RAFFAELE DE GRADA ​ Via Folgore Da San Gimignano 11 San Gimignano 53037

San Gimignano (SI) - dal 24 novembre 2018 al 3 marzo 2019

Francesco Levy - About Memory and on being elsewhere

Francesco Levy - About Memory and on being elsewhere

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA RAFFAELE DE GRADA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Folgore Da San Gimignano 11 (53037)
+39 0577940348
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il progetto Sguardo Italiano giunge al terzo anno esponendo le foto di un giovane artista toscano, Francesco Levy, che in questa personale propone un lavoro sulla memoria
orario: 11:00 - 17:30, 25 dicembre chiuso. 1 gennaio 12:30 - 17:30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Ingresso Musei Civici
€ 9,00 Intero
€ 7,00 ridotto
vernissage: 24 novembre 2018. ore 17.30
catalogo: in galleria.
editore: SILLABE
ufficio stampa: CIVITA GROUP
curatori: Elio Grazioli
autori: Francesco Levy
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Per iniziativa dell’Assessorato alla Cultura del Comune di San Gimignano, dal 25
novembre 2018 al 3 Marzo 2019, sarà aperta al pubblico, presso la Galleria di Arte
Moderna e Contemporanea, la mostra About Memory and on being elsewhere, personale
di Francesco Levy, a cura di Elio Grazioli, che fa parte di un progetto più ampio, Fenice
Contemporanea, realizzato nell’ambito di TOSCANAINCONTEMPORANEA 2018 e vede il
Comune di Poggibonsi capofila in collaborazione con il Comune di San Gimignano oltre a
numerosi partner.
L’inaugurazione avrà luogo sabato 24 novembre alle ore 17,30 alla presenza del Sindaco
Giacomo Bassi, dell’Assessore alla Cultura Carolina Taddei e del curatore della mostra
Elio Grazioli. Sarà inoltre presente Valerio Bartoloni, dirigente del settore Servizi alla
Cultura del Comune di San Gimignano.
La Galleria, negli ultimi anni, come ricordano il Sindaco e l’Assessore alla Cultura, si è
aperta alla fotografia ospitando mostre di grandi maestri, quali Elliot Erwitt, Franco
Fontana, Robert Capa e Cartier-Bresson. “Vogliamo, con Sguardo Italiano, proseguire il
connubio fra San Gimignano, questo spazio e la fotografia ospitando personali di giovani
artisti che usino appunto la fotografia come linguaggio principale”.
Sguardo Italiano, infatti, giunge al terzo anno esponendo le foto di un giovane artista
toscano, Francesco Levy, che in questa personale propone un lavoro sulla memoria,
dove, secondo quanto scrive Elio Grazioli, “si confrontano inesorabilmente la storia
pubblica e la storia personale, quella di tutti, per così dire, e quella individuale”. I progetti
fotografici che l’artista presenta in questa occasione partono da persone e da eventi del
passato, il primo legato alla sua storia familiare, il secondo a quella comune; presentati
insieme, a loro volta si intrecciano, dilatando dettagli e rinvii.
Per l’occasione Levy presenta anche un video che è la versione in immagini in movimento
– e con significativo sonoro – di quella che nei progetti fotografici è in immagini ferme – e
mute. Si intitola Portrait, ritratto: si indovini di chi? In fondo non è determinante: è il nonno,
ma è anche Francesco, e siamo noi infine. Quel che accade guardando il video infatti è
che pare di assistere al funzionamento della memoria di qualcuno che cerca appunto di
ricordare il proprio passato, è la memoria della memoria, la memoria in atto. È uno strano
paradosso: il ricordo di una vita vissuta da altri, una metempsicosi, una vita precedente, un
déjà vu impossibile. Sono questi gli scherzi della memoria, cioè dell’immagine, anzi il suo
funzionamento effettivo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram