Materie Analitiche #1 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva KROMYA ART GALLERY ​ Viale Stefano Franscini 11 Lugano 6900

Lugano - dal 28 novembre 2018 al 31 gennaio 2019

Materie Analitiche #1

Materie Analitiche #1

 [Vedi la foto originale]
KROMYA ART GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Stefano Franscini 11 (6900)
+41 919227000
info@kromyartgallery.com
www.kromyartgallery.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Con la mostra Materie Analitiche #1 - primo di due appuntamenti - Kromya Art Gallery presenta nella sede di Lugano una rassegna dedicata ai maestri della stagione analitica dell’arte italiana.
orario: Da lunedì a venerdì ore 10-18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 28 novembre 2018. ore 18.30
curatori: Matteo Galbiati
autori: Enzo Cacciola, Giorgio Griffa, Elio Marchegiani, Claudio Olivieri, Pino Pinelli
genere: arte moderna e contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Con la mostra Materie Analitiche #1 - primo di due appuntamenti - Kromya Art Gallery presenta nella sede di Lugano una rassegna dedicata ai maestri della stagione analitica dell’arte italiana che, dagli anni Sessanta-Settanta, hanno indagato compiutamente le possibilità, il valore, il senso, l'attualità e la vitalità della Pittura, linguaggio che, allora, era considerato come anacronistico e pareva definitivamente destinato all’oblio.
La loro determinazione e l’individualità dell’approccio analitico sul mezzo espressivo, la ripetuta ed incessante attività creativa, la volontà incrollabile delle loro riflessioni e il conseguente esercizio formale ininterrotto hanno, invece, portato questi artisti a smentire ogni funesta previsione sulla fine della Pittura, anzi, le loro articolate e diverse ricerche hanno concesso a questo linguaggio un importante momento di verifica ed analisi profonda delle proprie istanze. Del resto lo sguardo di questi maestri ha saputo prescindere dalle trappole delle mode e dei relativi gusti volubili, ma ha tenuto una concentrazione rigorosa sullo studio intimo dei processi pittorici cui hanno dedicato tutta la loro energica risoluzione sperimentale: ciascuno di loro ha osservato nel profondo l’anima dell’azione e dell’atto del dipingere, interessandosi, secondo le proprie attitudini, a differenti campi d’indagine che ci consegnano ora indirizzi, orientamenti e percorsi assai diversificati.
La necessità di mettere ordine alle loro visioni, oggi quando una tardiva attenzione di mercato e di critica su queste ricerche sta riabilitandone in modo decisivo e pressante il valore storico, spesso in modo disorganico e per esigenze di sola etichetta, ha indotto la galleria a offrire lo spunto perché, in questo progetto, il merito di opere, che sottolineano proprio le specificità di ciascun artista, salvaguardi le pluralità e le singolarità espressive che li connotano.



Enzo Cacciola (1945), Giorgio Griffa (1936), Elio Marchegiani (1929), Claudio Olivieri (1934) e Pino Pinelli (1938), gli artisti selezionati per la prima “sessione” di questo confronto, ci regalano la passione viva e pungente di una Pittura che ha superato i suoi stessi codici e le imposizioni di codifiche precostituite, accentuando una sua specifica e rinnovabile attualità espressiva sempre senza appartenersi compiutamente a stringenti definizioni e a inquadramenti definitivi. La mostra, terzo appuntamento del palinsesto Camera, attraverso il quale la galleria propone riflessioni sull’arte italiana contemporanea, mette, quindi, in discussione e dialogo opere le cui specificità devono risultare differenti pur nel quadro generale di una condivisa stagione artistica che, senza essersi definita in un gruppo vero e proprio, ha avvicinato i percorsi di personalità diverse pur vicine per affinità e tendenze espressive. La varietà ricca delle loro sentenze visive permette di sollecitare lo sguardo indirizzandolo su percorsi diversi che portano a considerazioni riccamente variegate e, da questa variazione individuale, si deve recepire il valore dell’approfondimento che i loro insegnamenti ci sollecitano sul tema importante e assoluto della Pittura.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram