Antoni Tàpies 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA ​ Viale Elisa Ancona 6 Lissone 20851

Lissone () - dall'otto aprile al 26 giugno 2005

Antoni Tàpies
[leggi la recensione]

Antoni Tàpies
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Elisa Ancona 6 (20851)
+39 0392145174 , +39 039461523 (fax)
museo@comune.lissone.mi.it
www.comune.lissone.mb.it/museo-arte-contemporanea
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Torna in Italia dopo 20 anni Antoni Tàpies, a cui il Museo d’Arte Contemporanea di Lissone dedica una importante mostra composta quasi interamente da opere mai esposte nel nostro Paese.
orario: da martedì a venerdì 15-19; sabato e domenica 10-12 e 15-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 6; ridotto € 3
vernissage: 8 aprile 2005. ore 18.30
catalogo: con testi di Nuria Enguita Mayo, di Flaminio Gualdoni
ufficio stampa: IRMA BIANCHI
curatori: Nuria Enguita Mayo, Flaminio Gualdoni
autori: Antoni Tàpies
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Torna in Italia dopo 20 anni Antoni Tàpies, a cui il Museo d’Arte Contemporanea di Lissone dedica una importante mostra composta quasi interamente da opere mai esposte nel nostro Paese.

L'esposizione, realizzata in collaborazione con la Fundaciò Antoni Tàpies di Barcellona, è a cura di Nuria Enguita Mayo e di Flaminio Gualdoni, e nasce nell’ambito delle attività del Premio Lissone, che proprio Antoni Tàpies vinse nel 1957.

L’artista catalano, al quale ora viene attribuito il Premio Lissone alla carriera, espone un significativo corpus composto da circa trenta opere dagli anni Cinquanta a oggi, in particolare oli di grandi dimensioni e una sezione dedicata ai celebri libri d'artista. Le opere esposte rappresentano tutti i decenni dell'attività di Tàpies e sono caratterizzate da una pittura in cui la materia e il segno si integrano in un linguaggio di forza straordinaria. Tra esse spiccano in particolare lo storico Terre sur marron foncé, 1956, e i vasti Gran blanc amb llauna blava, 1972 (200x275), Tríptic blau, 1983 (120x240), Díptic de vernís, 1984, di oltre cinque metri di lunghezza.

Figura chiave dell’informale internazionale, nell'ambito di questa corrente Tàpies ha svolto il ruolo di tramite tra la cultura surrealista dei suoi inizi, a contatto con Mirò e Picasso, e le successive esperienze oggettuali, che hanno anticipato le sperimentazioni dell’Arte povera. I suoi dipinti, le sue sculture, i suoi libri d’artista hanno segnato uno spartiacque tra le generazioni storiche dell’arte e le neoavanguardie.

Con la mostra di Antoni Tàpies prosegue e si potenzia il programma intrapreso dal Museo d'arte Contemporanea di Lissone volto a realizzare eventi di respiro internazionale, la cui prima manifestazione è stata la mostra dedicata a Le Corbusier nella primavera del 2004.

La mostra è correlata da un catalogo edito dal Museo d'Arte Contemporanea, con testi di Nuria Enguita Mayo, di Flaminio Gualdoni
e di Andreas Franzke, il massimo studioso dell'opera del Maestro.

Cenni biografici
Antoni Tàpies nasce a Barcellona nel 1923. È tra i fondatori della rivista e del gruppo "Dau al Set" (La settima faccia del dado), di impronta neo-dadaista. Nel 1950 tiene la prima personale alla Galeria Layetanas di Barcellona e compie il primo viaggio a Parigi, dove incontra Pablo Picasso. Nei primi anni ‘50 la pittura di Tàpies si volge verso l’art autre. Si susseguono mostre importanti: nel 1952 partecipa alla Biennale di Venezia, dove espone più volte negli anni, e nel 1993 ottiene il premio per la pittura.

Tra la fine degli anni ‘50 e ‘60 si colloca una lunga serie di importanti mostre. Nel 1959 Tàpies partecipa per la prima volta alla Documenta di Kassel, mentre l’anno successivo presenta le sue opere al Museu de Arte di Bilbao. Nel 1962 espone al Kestner Gesellschaft di Hannover, al Guggenheim di New York e al Kunsthaus di Zurigo. Nel 1964 è ancora a Kassel, nel 1965 a Londra, all'Insitute of Contemporary Arts, nel 1967 a San Gallo, al Kunstmuseum, nel 1968 a Vienna, al Museum des XXº Jahrhunderts, ad Amburgo e Colonia, al Kunstverein.
Nel 1973 Parigi gli rende omaggio con una retrospettiva al Musée d’Art Moderne.
Nel 1977 espone all’Albright-Knox Art Gallery di Buffalo. Nel 1980 è la volta del Museo Español de Arte Contemporanea di Madrid e dello Stedelijk Museum di Amsterdam. Nel 1981 Tàpies riceve altri premi e onorificenze: la medaglia d’oro per le Belle Arti da re Juan Carlos I e la Laurea honoris causa del Royal College of Art di Londra. Nel 1984 inizia a lavorare al progetto della Fundació Antoni Tàpies di Barcellona. Il sogno è finalmente coronato nel 1990, con l’inaugurazione ufficiale.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram