Roland Berning / David Lascaris - Flussofluido 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/03/2019
Un nuovo investitore per Wopart. Alberto Rusconi punta sulla fiera di Lugano
22/03/2019
Il Design Museum di Londra dedica una grande mostra a Stanley Kubrick
22/03/2019
André Aciman ha annunciato che presto uscirà il romanzo sequel di Call me by your name
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva BREED ART STUDIOS ​ Het Laagt 178 Amsterdam 1025

Amsterdam () - dal 9 febbraio al 16 marzo 2019

Roland Berning / David Lascaris - Flussofluido

Roland Berning / David Lascaris - Flussofluido
FLUSSOFLUIDO
 [Vedi la foto originale]
BREED ART STUDIOS
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Het Laagt 178 (1025)
+31(0)646575023
info@breedartstudios.net
www.breedartstudios.net
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In FLUSSOFLUIDO un flusso di colori e forme fluide fuoriesce dal dialogo di due artisti che pur parlando lingue diverse riescono a comunicare intorno al concetto di libertà nel contesto dello spazio e del tempo.
orario: da giovedì a sabato ore 13-18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 9 febbraio 2019. ore 17
curatori: Luca Rezzolla
autori: Roland Berning, David Lascaris
genere: arte contemporanea, performance - happening, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Roland Berning vive e lavora ad Amsterdam. Nel suo ultimo statement si definisce un artista visuale che lavora partendo dalla prospettiva della pittura. I tessuti di poliestere non stirati di grandi dimensioni diventano per lui grandi 'schermi' (screens) dove e con cuoi può lavorare. La superficie è flessibile, pieghevole e può essere utilizzata anche come strumento (pennello, quadro serigrafico) per dipingere se stessa. I dipinti sono pile di eventi nel tempo, non una sequenza come nei tradizionali schermi multimediali, ma una continuazione negli eventi attuali, immanente. ‘Vedo la pittura come una disciplina moderna, come un luogo in cui, in piena libertà, indipendentemente dalle limitazioni e dalla dipendenza dal software, si può rispondere alle sfide della produzione artistica contemporanea. La conservazione della libertà per il bene di quella libertà è, a mio avviso, essenziale per poter realizzare innovazioni, al di fuori di tutti i sistemi, e in quanto tale è rilevante per la produzione artistica. Mentre il multimedia è in una zona crepuscolare di manipolazione e opacità, cerco di mostrare i miei "schermi" come terreno aperto con piena visibilità dei processi. Per me, la pittura può funzionare come simbolo di libertà all'interno del discorso sui media moderni. L'uso degli elementi pittorici è una strategia di libertà e non una rappresentazione della libertà. In effetti, il contenuto è "vuoto" per dare spazio alla libertà come mentalità. Le opere rappresentano il prodotto dell'accoppiamento di risorse trasparenti e decisioni creative indipendenti e libere.

Giovane architetto, fotografo, artista visionario ed eclettico, David Lascaris vive e lavora ad Amsterdam. La sua ricerca parte dal concetto di spazio, come luogo fisico ed esistenziale e si sviluppa attraverso l’utilizzo di diversi media. Le sue Apnee sono scatole di plexiglass contenenti layers di fotografie subacquee stampate su fogli trasparenti di acetato. La sovrapposizione dei layers scompone e sfoca l’immagine che sembra cosi’ sciogliersi in un liquido colorato come all’interno di un acquario. L’acqua impasta, lega collega lambisce e divora, e’ un vero collante che ha il potere di unire o modificare gli altri elementi, e’ il fluido primordiale da cui differenziarsi ed evolversi, un elemento simbolico di rinascita e trasformazione. La scatola si trasforma e diviene in ‘Fluido di genere’ una piramide rovescia divisa a metà e riempita di liquido rosa, da una parte, e di liquido azzurro, dall’altra, metafora dei nostri preconcetti sull’identità di genere. La piramide è sospesa sopra una vasca bianca di alluminio riempita d’acqua. Dalla punta della piramide il colore sgocciola lentamente producendo effetti imprevedibili fino allo svuotamento. Cio’ che prima era perfettamente definito e distinto diventa indeterminato ed inaspettato. La dualità di concetti antitetici scaturisce dalle limitazioni imposte dalla visione umana che tende a definire confini per spiegare una realtà che invece e’ fluida.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram