Marianne Vierø - Figure Bold 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
25/05/2019
Massimo Osanna riconfermato alla guida del Parco Archeologico di Pompei
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ARTOPIA GALLERY ​ Via Lazzaro Papi 2 Milano 20135

Milano - dal 14 marzo al 24 aprile 2019

Marianne Vierø - Figure Bold

Marianne Vierø - Figure Bold -
Marianne Vierø, Lithography on archival pigment print, 2019



 [Vedi la foto originale]
ARTOPIA GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Lazzaro Papi 2 (20135)
+39 025460582
artopiagallery@gmail.com
www.artopiagallery.net
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La ricerca di Marianne Vierø mette in atto processi di traduzione dei linguaggi espressivi, estraendo elementi propri a determinati campi e tecniche di lavorazione per innescare sperimentazioni inedite e dare corpo a risultati formali inaspettati.
orario: da martedì a venerdi ore 15.30 - 19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 14 marzo 2019. ore 19.00
autori: Marianne Vierø
patrocini: Danish Arts Foundation
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
RITAURSO Artopiagallery presenta la prima mostra personale in Italia di Marianne Vierø (1979, Copenhagen) che riunisce tre nuove produzioni realizzate per l’occasione dall’artista.

La ricerca di Marianne Vierø mette in atto processi di traduzione dei linguaggi espressivi, estraendo elementi propri a determinati campi e tecniche di lavorazione per innescare sperimentazioni inedite e dare corpo a risultati formali inaspettati. La sua pratica rende difficile, se non impossibile, il definire in maniera definitiva e indiscutibile la natura del suo lavoro, che si presenta invece come un organismo ibrido.

Nella mostra Figure Bold, Marianne Vierø presenta tre corpi di opere: stampe a esposizione multipla su carta fotosensibile, litografie su stampe d'archivio a pigmento, sculture o scarabocchi in ceramica. Le prime - in linea con la ricerca iniziata dall’artista nel 2015, presentata nel 2017 nella mostra personale "Dunk" presso Ellen de Bruijne Projects ad Amsterdam e a LISTE, Basilea - sono stampe concepite come dei rebus che si estendono anche alle cornici di legno, con dettagli intarsiati sui profili del telaio. Realizzate in camera oscura esponendo la carta sensibile a diverse proiezioni di luce colorata, combinano immagini di pennellate digitali realizzate con photoshop a fotogrammi prodotti artigianalmente posizionando gli oggetti direttamente sulla superficie dell'immagine. Il secondo gruppo di opere presenta astrazioni monocrome stampate a pietra su istantanee in bianco e nero e s’intitola "Documentation of Imagined Sculpture" su ispirazione del libro "Devenir de Fontana" (1961) - monografia a cura di Ezio Gribaudo pubblicata dalla Fratelli Pozzo nel 1960, in cui una delle sculture di Lucio Fontana è documentata sovrastampata in oro sul fondo di una fotografia in bianco e nero. A partire da quest’immagine in cui ciò che è visibile sono il profilo e lo sfondo mentre la scultura è completamente oscurata e ridotta a una superficie piana, Marianne Vierø lavora a ritroso posizionando ogni monocromo litografato su una base in bianco e nero in modo che l'immagine complessiva risulti simile alla rappresentazione di una scultura catturata su sfondo soleggiato. Il terzo gruppo rappresenta la controparte spaziale dei lavori bidimensionali e comprende una selezione di piccole sculture in ceramica che danno volume ai tratti e agli scarabocchi che, come le pennellate digitalizzate, sono caratterizzati da dettagli predeterminati, in questo caso segni lasciati dalla macchina che estrude l'argilla.

Il processo di traduzione attivato da Marianne Vierø - dalla scultura alle superfici piatte, da queste agli oggetti e poi di nuovo alle pennellate e così via - crea un movimento circolare e infinito di scambi tra le categorie, difficile da definire. L'artista rivela così la natura contraddittoria insita nel suo lavoro, che sembra appartenere a un universo predefinito ma che in realtà è un gioco di mondi e linguaggi che si reinventano più e più volte.


La mostra è stata sostenuta dalla Danish Arts Foundation.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram