Luigi Ambrosetti / Natascia Raffio - Doppia Regina 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
25/05/2019
Massimo Osanna riconfermato alla guida del Parco Archeologico di Pompei
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva VIRUS ART ​ Via Reggio Emilia 69 Roma 00198

Roma - dal 14 al 28 marzo 2019

Luigi Ambrosetti / Natascia Raffio - Doppia Regina

Luigi Ambrosetti / Natascia Raffio - Doppia Regina
LUIGI AMBROSETTI
Murga , 2011
Acrilico su tela, cm 120x80
NATASCIA RAFFIO
Click, 2017
Olio su tavola, cm120x70
 [Vedi la foto originale]
VIRUS ART
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Reggio Emilia 69 (00198)
+39 3472298138
virusartgallery@gmail.com
www.facebook.com/virusartgallery
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Due stili grafici e pittorici molto diversi e quasi opposti, e nel loro diverso attraversare lo stesso bacino iconografico e la “narrazione”, che, tuttavia, entrambi si attestano, come centri ispiratori della nostra contemporaneità visiva.
orario: da martedi a sabato 11-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 14 marzo 2019. ore 18
catalogo: in galleria. a cura di Giancarlo Carpi
curatori: Giancarlo Carpi
autori: Luigi Ambrosetti, Natascia Raffio
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il lavoro del romano Luigi Ambrosetti ha una collocazione anomala e originale nella scena romana pop. È come se motivi pop-gotici e stilemi di urban art fossero posti al servizio di una forte libertà immaginativa e associativa mossa dal ricordo o dall’ossessione per eventi, persone, e luoghi realmente incontrati e vissuti. C’è un forte legame con luoghi e spezzoni della scena artistica underground romana (ma ormai semi-istituzionalizzata) e poi con un immaginario ispirato dai fumetti e dai cartoni animati (dei quali Ambrosetti è un grande appassionato e conoscitore) ritratti in scenari urbani degradati che però, con uno scarto immaginativo, a volte diventano ambienti relittuali, subacquei o degni di appartenere a una storia di fantasmi. È un carattere narrativo, anche inconseguente, incongruente, di questi lavori, specie dei disegni, che fa vibrare i ricordi e le situazioni più personali, come aggregazioni emotive, del presente e del passato, gettate sul foglio in uno stile espressionista. Ed ecco che rispetto a tanti artisti che si ispirano alla iconografia pop di fumetti, film e cartoni, il riuso di questa come iconografia cara alla vicenda personale appare inconsueto. È come se Ambrosetti ci conducesse in un racconto senza storia, venato di accenti sessuali e ossessivi, che proprio nell’inspiegabilità di certe situazioni rispecchia e alimenta la propria libertà. Filo conduttore diviene, allora, il personaggio da lui stesso inventato, una sorta di fantasmino, chiamato “Lui col carrello”, secondo una coincidenza tra firma, alter ego e autoritratto narrativo, utilizzata anche da altri artisti della scena neo-pop che però qui, come detto, risalta come filo conduttore di una storia irrelata, interiore.
Le ragazzine di Natascia Raffio, benché vi si riconosca lo stile molto accurato del pop surrealismo di ispirazione americana, costituiscono anch’esse, di quadro in quadro, una sorta di storia iconografica che vede protagonista il personaggio di Gogolì, inventato dall’autrice, che pure la rispecchia e in parte la ritrae. Nei suoi dipinti, domina un’immaginazione e una sensibilità neo-pop, che porta all’ibridazione con i personaggi noti della Disney. Questa iconografia viene attraversata e citata dall’interno di un personaggio di propria invenzione, che appare collocato nell’universo della stereotipia dell’immaginario mediale e commerciale piuttosto che condurci ondivago in una narrazione interiore.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram