Carlo Mattioli - Gli alberi 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva REGIONE EMILIA ROMAGNA ​ Viale Aldo Moro 30 Bologna 40127

Bologna - dall'otto marzo al 15 aprile 2019

Carlo Mattioli - Gli alberi

Carlo Mattioli - Gli alberi

 [Vedi la foto originale]
REGIONE EMILIA ROMAGNA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Aldo Moro 30 (40127)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra, realizzata in collaborazione con la Fondazione Carlo Mattioli, presenta un tema che ha reso famoso l’artista, “Gli alberi”, ma che il più delle volte non è stato considerato per l’importanza che ha avuto nella pittura di Mattioli
orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 8 marzo 2019. h 19
curatori: Sandro Malossini, Anna Zaniboni Mattioli
autori: Carlo Mattioli
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra, realizzata in collaborazione con la Fondazione Carlo Mattioli, presenta un tema che ha reso famoso l’artista, “Gli alberi”, ma che il più delle volte non è stato considerato per l’importanza che ha avuto nella pittura di Mattioli.

Nel piano ammezzato dell’Assemblea legislativa regionale verranno esposte una ventina di grandi tele che spaziano dal 1974 al 1989 e che ben rappresentano la grande arte di un pittore schivo e solitario, di un’immensa carica poetica.

Il soggetto è certamente riconoscibile e il più delle volte appare come unico elemento figurativo dell’opera, ma, come ha sottolineato Anna Zaniboni Mattioli: “l’albero solitario è diventato presto una declinazione della rappresentazione di sé, una sorta di autoritratto che il pittore ha tuffato nella notte più nera, nella gloria di un campo di papaveri, nell’intonaco incolore di un antico muro come fosse una sinopia medievale o nel nulla di una tela di juta, senza nemmeno la consolazione di un fondo.”
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram