Patrizia Fruci 3096 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
17/05/2019
Sull'isola greca di Delo sbarcano le opere di Antony Gormley
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA WIKIARTE ​ Via San Felice 18 Bologna 40122

Bologna - dal 16 al 28 marzo 2019

Patrizia Fruci

Patrizia Fruci

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA WIKIARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via San Felice 18 (40122)
+39 3297135233
info@wikiarte.com
www.wikiarte.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una metarappresentazione analogica di un mondo piccolo che invade e determina quello grande interessa il lavoro di Patrizia Fruci.
orario: da martedì a sabato, dalle 11.00 alle 19.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 16 marzo 2019. ore 18.00
curatori: Deborah Petroni
autori: Patrizia Fruci
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Una metarappresentazione analogica di un mondo piccolo che invade e determina quello grande interessa il lavoro di Patrizia Fruci. La voce narrante è quella di un adulto ma la prospettiva è divincolante e libera da obblighi spazio-temporali come quella di un bambino. Il linguaggio delle immagini si sviluppa in un habitat idrodinamico espresso da pattern aplat ornamentali e adatto ad ospitare personaggi flat che come quelli delle fiabe rifiutano ogni profilazione psicologica ma si trasformano in attrattori cognitivi semplicemente per la propria natura ittica. La forza di gravità di una città qualsiasi - o una città ben precisa e riconoscibile grazie ai suoi celebri monumenti- e negata da presenze galleggianti. Questa frizione tra schema e script – come direbbe il cognitivista Minsky - ovvero l’incompatibilità tra il frame, il contesto e l’azione che vi si svolge e il set personaggi che l’attivano è il meccanismo più antico della nostra attività mentale – quello di sopravvivenza - per fruire e comprendere le novità. Da questo meccanismo nasce la sorpresa, lo stupore, il terrore, la meraviglia e la conseguente sensazione di ricompensa per aver percepito e dunque recepito con tutto il corpo un status straordinario della realtà – quello che la priva dei limiti fisici e a rende fluida e scorrevole.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram