Nicola Nunziati 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/03/2019
L’open day della Rome University of Fine Arts, per rilanciare San Lorenzo
19/03/2019
ARTOUR-O il MUST compie quindici anni e festeggia a Firenze, tra arte design e moda
19/03/2019
A Walk on the Wildside alla New York Public Library, con l'archivio di Lou Reed
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA WIKIARTE ​ Via San Felice 18 Bologna 40122

Bologna - dal 16 al 28 marzo 2019

Nicola Nunziati

Nicola Nunziati

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA WIKIARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via San Felice 18 (40122)
+39 3297135233
info@wikiarte.com
www.wikiarte.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Inaugurazione della mostra personale di Nicola Nunziati.
Durante la serata presenzierà la Dott.ssa Denitza Nedkova.
orario: dal martedì al sabato, dalle 11.00 alle 19.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 16 marzo 2019. ore 18.00
curatori: Deborah Petroni
autori: Nicola Nunziati
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La forza della paura, del fuori luogo – socialmente detto fuorilegge – nutre anche l’immaginazione di Nicola Nunziati. Ma la paura fa sentire bene? Se la mente scientifica si dedica da due secoli alla ricerca della risposta di questa domanda, le statistiche più recenti dei film più visitati ai cinema italiani propongono un top 10 di pellicole horror o di azione violenta. La predilezione per la paura "gratuita" oggi trova la conciliazione delle sue origini sociali con quelli biologiche. Secondo la Excitation-transfer Theory, infatti, l'eccitazione residua di uno stimolo potenzia il riscontro eccitatorio ad un altro input, anche se le valenze hedoniche dei due sono contrastanti. La predilezione per personaggi complessi, dotati di una terza dimensione - genericamente definiti antieroi – è legata al nostro costante esercizio di giudizio morale. Tanto più una persona – o la sua immagine ritratta – ci impegnano nella sua valutazione caratteriale tanto più essa ci coinvolge e, di conseguenza, ci piace. L’intensità della disposizione nei confronti di qualcuno - del suo viso e del suo fare – determina l‘intensità dell’esperienza empatica con esso e, dunque, del coinvolgimento personale. Pertanto la risposta della suddetta domanda emerge dalla natura fisiologica dell'essere umano che, prodotto di esperienza e genetica, cerca il pericolo per vedere la bellezza.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram