Rossella Biscotti - Clara and Other Specimens 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE ANTONIO RATTI - VILLA SUCOTA ​ Via Per Cernobbio 19 Como 22100

Como - dal 15 aprile al 25 giugno 2019

Rossella Biscotti - Clara and Other Specimens

Rossella Biscotti - Clara and Other Specimens
Foto: Clara, installazione,
mattoni fatti a mano, tabacco,
adesivo prespaziato, 2016.
Dettaglio dell’installazione,
Van Abbemuseum, Eindhoven.
 [Vedi la foto originale]
FONDAZIONE ANTONIO RATTI - VILLA SUCOTA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Per Cernobbio 19 (22100)
+39 031233111 , +39 031233249 (fax)
info@fondazioneratti.it
www.fondazioneratti.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Biscotti presenta un progetto che indaga le tematiche della migrazione e il conseguente rapporto con il territorio. Biscotti
analizza questi temi dal punto di vista del mondo animale e
vegetale con due opere che interrogano il concetto di
decontestualizzazione e costruzione di nuovi
contesti biologi
orario: Orari di apertura
Da lunedì a venerdì:
10-13 e 15-18
Domenica: 10-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 aprile 2019. dalle 18 alle 20,30
curatori: Lorenzo Benedetti
autori: Rossella Biscotti
patrocini: Fondazione Cariplo
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
MOSTRA
Rossella Biscotti
"Clara and Other Specimens"
A cura di Lorenzo Benedetti
Inaugurazione 15 aprile 2019, ore 18
16|04|2019 –25|06|2019
Fondazione Antonio Ratti, Villa Sucota, Como

Lunedì 15 aprile 2019 si inaugura la mostra di Rossella Biscotti "Clara and Other Specimens" presso le sale espositive della Fondazione Antonio Ratti a Villa Sucota. L’esposizione a cura di Lorenzo Benedetti fa parte di Grand Tour Contemporaneo, un programma espositivo concepito dal Comitato Fondazioni Arte Contemporanea in occasione della 58a edizione della Biennale d'Arte di Venezia.
Alla Fondazione Antonio Ratti Rossella Biscotti presenta un
progetto con opere che indagano le tematiche della migrazione e il conseguente rapporto con il territorio. Mettendo in luce fatti storici, spesso dimenticati, l’artista cerca una trasposizione concettuale per metterne in evidenza i cambiamenti. Biscotti analizza questi temi dal punto di vista del mondo animale e vegetale con due opere che interrogano il concetto di decontestualizzazione e la ricerca per la costruzione di nuovi contesti biologici. La trasformazione del territorio è analizzata attraverso il distaccamento forzato dal luogo di origine e mediante la ricerca per costruire nuovi biotopi, in cui flora e
fauna possano ripristinare insieme una dimensione di
esistenza.
Il primo lavoro intitolato Clara (2016) porta il nome del
rinoceronte indiano importato nel 1740 da Douwe Jansz Mout van der Meer, capitano della nave Knappenhof della
Compagnia Olandese delle Indie orientali. Van der Meer capì subito l’importanza del pachiderma ed organizzò per esporla pubblicamente un tour europeo che per sedici anni incuriosì gli abitanti delle città di mezza Europa. Clara, forse il più celebre rinoceronte della storia, diventò un icona di una delle tratte commerciali più importanti della storia europea. Biscotti ricostruisce il peso dell’animale in mattoni che venivano utilizzati dalle flotte della Compagnia Orientale delle Indie per ripartire con un carico verso le colonie. In questo senso i mattoni sono un elemento che si lega al vuoto e all’impossibilità di ricostruire un habitat diverso per molte specie. La traduzione di Clara nel suo peso, nella consumazione giornaliera di cibo e vizio (storie marinare narrano che l'animale fosse dedito al tabacco) e il suo valore monetario (100.000 Luigi d'oro furono offerti dal sovrano di Francia per Versailles) rappresenta l'animale in termini di valore che costantemente si modifica ma che non ricostituisce l’unità del suo essere.
Realizzato per la Fondazione Antonio Ratti, la seconda opera è legata all’Amorphophallus Titanium chiamato comunemente Aro titano e portato in Europa per la prima volta dal botanico fiorentino Odoardo Beccari. La pianta, endemica di Sumatra, Indonesia, ha come caratteristica quella di essere la più grande inflorescenza del mondo vegetale. Infatti fiorisce raramente, e solo per alcuni giorni, creando un fiore enorme che emana un odore particolarmente sgradevole che attira un tipo di coleotteri per l'impollinazione e che ricorda quello della carne putrefatta di una carcassa.
Rossella Biscotti ricostruisce la pianta a grandezza naturale
stampando su tessuto l’enorme fiore. La caratteristica
grandezza dell’inflorescenza crea un rapporto diretto tra la
pianta e il pubblico, avendo questa le stesse proporzioni di una persona. Ma la condizione di esposizione è un contesto molto precario per una pianta del genere. In questo modo, come nel caso del rinoceronte Clara, la spettacolarizzazione e l’esposizione di una specie esotica diventa causa del suo
deterioramento e la sua scomparsa.

La scomposizione del fiore in quadri di stampa, che
rappresentano metaforicamente i colori di cui è composta
l’immagine, e la scomposizione del peso di Clara,
fondamentale per risolvere la questione pratica del suo
trasporto, parlano dello sfruttamento e smembramento del
corpo esotico con fini scientifici e per l’intrattenimento.
Rossella Biscotti indaga le questioni irrisolte della società
contemporanea attraverso il potenziale dell’arte di intrecciare linguaggi, narrazioni, tecnologie, e un approccio
multidisciplinare. Le sue opere spaziano dalla scultura alla
performance, dalla fotografia alla videoinstallazione,
rispondendo ogni volta alle esigenze del progetto, e
pur non colmando le lacune della storia, riaffermano la
necessità di ripensare e rinegoziare il rapporto tra individuo e società.
Rossella Biscotti è nata nel 1978 a Molfetta (Bari). Durante gli ultimi dieci anni ha vissuto e lavorato tra l’Olanda e i luoghi che ha deciso di includere nelle sue ricerche.
Biscotti ha preso parte a importanti esposizioni internazionali tra cui la 55° Biennale di Venezia (2013), la 13° Biennale di Istanbul (2013), dOCUMENTA 13 (2012), e Manifesta 9 (2012).
Il suo lavoro è stato presentato in mostre personali presso
Kunsthaus Baselland, Basilea (2018); V-A-C foundation al
GULAG History State Museum, Mosca (2016-2017); Museion, Bolzano (2015); Haus Lange Haus Esters, Krefeld (D); Wiels, Bruxelles; Sculpture Center, New York (2014); Secession, Vienna; e-flux, New York (2013); e CAC, Vilnius (2012).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram