Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli altri. Il Primitivismo nella scultura del Novec... 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DELLE CULTURE - VILLA MALPENSATA ​ Riva Caccia 5 Lugano 6900

Lugano - dal 5 aprile al 28 luglio 2019

Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli altri. Il Primitivismo nella scultura del Novecento

Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli altri. Il Primitivismo nella scultura del Novecento
Scultura raffigurante un’antenata
Oceania. Melanesia. Nuova Guinea.
Lago Sentani. Area orientale.
Villaggio di Asei
Fine del XIX secolo
Legno e pigmenti, cm 122×22,5×23
© Lugano, MUSEC - Collezione Brignoni
 [Vedi la foto originale]
MUSEO DELLE CULTURE - VILLA MALPENSATA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Riva Caccia 5 (6900 )
+41 588666960
info@musec.ch
www.mcl.lugano.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Lugano ritrova uno dei suoi musei più amati dal grande pubblico. Con l’esposizione "Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli altri. Il Primitivismo nella scultura del Novecento", saranno infatti inaugurate al
pubblico le sale totalmente rinnovate di Villa Malpensata, oggi sede del MUSEC - Museo delle Culture di Lugano
orario: tutti i giorni 10:00 – 18:00, martedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 5 aprile 2019. su invito
catalogo: in galleria.
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA
curatori: Francesco Paolo Campione, Maria Grazia Messina
note: Preview per la stampa venerdì 5 aprile, ore 11
genere: collettiva, arte moderna

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Lugano ritrova uno dei suoi musei più amati dal grande pubblico.
Il prossimo 7 aprile, con l’esposizione Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli
altri. Il Primitivismo nella scultura del Novecento, saranno infatti inaugurate al
pubblico le sale totalmente rinnovate di Villa Malpensata, oggi sede del MUSEC
- Museo delle Culture di Lugano.
Per molti anni Villa Malpensata è stata il punto d’incontro tra la grande arte e la
Città di Lugano.
Oggi, lo storico complesso edilizio affacciato sul lungolago di Lugano è stato
ristrutturato e ammodernato, diventando più grande e ancora più accogliente.
Così si prepara a tornare al centro della scena culturale del Ticino e di tutta la
Regione dell’Insubria.
Dopo alcune anteprime, Villa Malpensata inaugura le nuove sale espositive con
una mostra promossa dal Museo delle Culture di Lugano e dal Museo
Nazionale Romano con Electa.
Il progetto di Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli altri. Il Primitivismo nella
scultura del Novecento è curato da Francesco Paolo Campione con Maria
Grazia Messina. Dopo una prima tappa alle Terme di Diocleziano di Roma,
prosegue mettendo in dialogo settanta opere tra sculture di grandi maestri del
Novecento e capolavori di arte etnica e popolare databili tra il XVIII e l’inizio del
XX secolo, oltre a una selezione di opere precolombiane.
Je suis l’autre è un viaggio tematico attraverso l’atto creativo, l’inconscio e i
miti ed è concepito come una mappa che guida il visitatore attraverso la
rivoluzione formale della scultura del Novecento, nata dall’incontro tra gli artisti
delle avanguardie e l’arte etnica e popolare. Dagli inizi del Novecento, infatti,
comincia anche per la scultura quel processo di rinnovamento dei linguaggi
che aveva già coinvolto la pittura: con il desiderio di affrancarsi dai canoni della
verosimiglianza, gli scultori fecero propria l’idea di poter esprimere i loro mondi
interiori. L’universo espressivo ingenuo, spontaneo e denotato da una forte
carica vitale dell’arte cosiddetta «primitiva» ha, in tal senso, rappresentato una
vera «rivelazione».
La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Electa e curato da
Francesco Paolo Campione e Maria Grazia Messina. Il volume comprende
numerosi saggi e un vasto corredo fotografico.
In occasione della esposizione luganese sarà presentata anche una ricca
antologia sulle «arti primitive» viste dagli artisti e dagli intellettuali del
Novecento, un testo che offre un’ampia e documentata visione multifocale dei
significati e dei valori delle opere presentate e, più in generale, del tema del
Primitivismo nell’arte del Novecento.
Gli artisti in mostra:
Karel Appel, Kenneth Armitage, Jean Arp, Enrico Baj, Mirko Basaldella, Adriana
Bisi Fabbri, Serge Brignoni, Agustín Cárdenas, Alik Cavaliere, Lynn Chadwick,
Gaston Chaissac, Pietro Consagra, Roberto Crippa, André Derain, Jean
Dubuffet, Max Ernst, Agenore Fabbri, Sonja Ferlov Mancoba, Lucio Fontana,
Alberto Giacometti, Julio González, Henry Heerup, Ernst Ludwig Kirchner,
Jacques Lipchitz, Piero Manzoni, Marino Marini, André Masson, Luciano
Minguzzi, Louise Nevelson, Isamu Noguchi, Pablo Picasso, Arnaldo Pomodoro,
Man Ray, Regina [Cassolo Bracchi], Raffaello Arcangelo Salimbeni, Salvatore
Scarpitta, Francesco Toris, Fritz Wotruba.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram