Ulrich Elsener - Nel corpo del mondo 3088 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ENTR'ACTE ​ Via Di Sant'agnese 19r Genova 16124

Genova - dal 3 al 24 maggio 2019

Ulrich Elsener - Nel corpo del mondo

Ulrich Elsener - Nel corpo del mondo
Ulrich Elsener, Peloponneso, tecnica mista su carta, 2019
 [Vedi la foto originale]
ENTR'ACTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di Sant'Agnese 19r (16124)
spazioentracte@gmail.com
entracte.altervista.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Entr’acte ospita dal 3 al 24 maggio una personale di Ulrich Elsener, imperniata su un gruppo di lavori recenti in cui, secondo una pratica inaugurata attorno alla metà degli anni ’90, l’artista trae dai contorni di carte geografiche immagini di sembianze umane.
orario: da mercoledì a venerdì 16-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 maggio 2019. ore 17,30
curatori: Sandro Ricaldone
autori: Ulrich Elsener
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Entr’acte ospita dal 3 al 24 maggio una personale di Ulrich Elsener, imperniata su un gruppo di lavori recenti in cui, secondo una pratica inaugurata attorno alla metà degli anni ’90, l’artista trae dai contorni di carte geografiche immagini di sembianze umane.

Scrive nella presentazione Sandro Ricaldone:
“La relazione fra pittura e schematizzazione di ascendenza geografica, già presente in artisti dell’età moderna come Vermeer, nel Novecento s’intensifica, manifestandosi nell’opera metafisica di De Chirico e Carrà e innervando a partire dal secondo dopoguerra l’opera di artisti di orientamento diverso, da Piero Manzoni a Alighiero Boetti, e - nelle generazioni più recenti - di Mona Hatoum e Guillermo Kuitka. Non è però a una simile genealogia che si può ricondurre il lavoro affrontato nell’ultimo ventennio da Ulrich Elsener. Ne possiamo identificare la ragione in un processo di identificazione profonda fra mondo e corpo, tra volto e paesaggio, come recitava il titolo di una sua mostra di una decina d’anni or sono al Museo del Mare di Genova. La conformazione della mappa innesca il dinamismo dell’immaginario (“immaginare molto”, sosteneva Bachelard, è la chiave “per vivere uno spazio nuovo”), generando - in senso ovviamente metaforico, ma particolarmente pregnante – figure umane che nelle loro sembianze distese paiono appropriarsi del mondo, tradurlo in un’immagine in procinto di animarsi”.

Ulrich Elsener è nato a Biel 1943. Vive e lavora tra Genova e Zurigo.
Conclusi gli studi di Ingegneria chimica, ha intrapreso sul finire degli anni ’60 un percorso artistico nel quale, dopo una prima fase di ricerche in ambito costruttivo e minimal, negli anni ’80 si è orientato verso la figurazione.
Fra le sue mostre allestite in sedi genovesi si ricordano in particolare: Maschere (Galleria Artrè di Bruna Solinas, 2012); Visages/paysages. Un dialogo tra figure di mare e di vento (Galata Museo del Mare, 2007-08, a cura di Viana Conti); La questione dell'aura (con Ampelio Zappalorto, Palazzo Ducale, 1999).
Attualmente è in corso una sua mostra presso il MuseumBickel di Walenstadt (Porträtieren, con Corina Staubli, Alex Zwalen, Annatina Graf).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram