Armando Tinnirello - La Maschera e l'Altro 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MANIFIESTO BLANCO ​ Via Benedetto Marcello 46 Milano 20124

Milano - dal 15 maggio al 22 giugno 2019

Armando Tinnirello - La Maschera e l'Altro

Armando Tinnirello - La Maschera e l'Altro
Mask with Palm leaf
 [Vedi la foto originale]
MANIFIESTO BLANCO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Benedetto Marcello 46 (20124)
+39 3895693638
info@manifiestoblanco.com
www.manifiestoblanco.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'indagine artistica di Tinnirello si concentra sulle connessioni metamorfiche tra uomo e natura, con l’obiettivo di riappropriarsi della dimensione sacra del creato e di cogliere la cifra simbolica di ogni fenomeno naturale, dalle fragorose forze del sottosuolo all’effimero microcosmo vegetale.
orario: da martedì a sabato ore 16 -19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 maggio 2019. ore 19.00
curatori: Giulia Airoldi
autori: Armando Tinnirello
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Maschera e l'Altro - Armando Tinnirello

"La maschera come luogo dell'intersezione del progetto umano e del divino" (Riccardo Infante)


Anche per questa XIV edizione di Photofestival – la rassegna milanese di fotografia d’autore – Manifiesto Blanco presenta nei propri spazi un progetto site-specific ideato da Armando Tinnirello, che esplora il tema eterno e fondamentale della dimensione sacra del Creato, colto nel suo emergere in rigogliose forme vegetali e spontanee. Alle forze potenti e generose del sottosuolo – la “Tellus Mater” che è anche l'inconscio – si contrappone dialetticamente la “Maschera”, l'artefatto umano/razionale (la “persona”), che se in qualche modo nasconde la realtà primigenia, dall'altro anche si integra con essa, la rivela, ne costituisce il compimento e non la negazione.
La Cerere di Tinnirello si manifesta coronata di foglie, fiori e rami, con la sua presenza, antichissima e inquietante, la sua atavica bellezza, in un mondo che è tuttavia sempre più ferocemente manipolato e dominato dalla techne irresponsabile dell'uomo. Le fotografie delle Shaman Series ritraggono una figura metamorfica e ibridata; il volto vivo, dallo sguardo misteriosamente penetrante, di una Donna paludata nell’argilla e nella ramaglia, mentre trapela dalle profondità di un velo (il manufatto, il razionale, il “trucco”: pensiamo anche, banalmente, al belletto, alla cosmesi, e alla sua estremizzazione nella chirurgia plastica), che però non ne sopprime (non dovrebbe sopprimerne) l’essenza, lasciandola essere nella sua rude, ruvida femminilità, nel suo potere selvaggio.
Lo sciamano di Tinnirello evoca le forze sorgive della Natura, se ne fa interprete sensibile e custode rispettoso, al fine di governarle in modo consapevole e saggio. È questo il senso dell'appello dell'artista ai suoi contemporanei.
La magia sciamanica, in una realtà non mitologica ma positivamente “moderna” e tecnologica, consiste nella capacità di rappresentare un rapporto dialettico tra ratio umana e realtà naturale in cui quest’ultima non sia (più) semplicemente sfruttata, brutalizzata, sfigurata e condannata, ma guidata in una armoniosa espressione fenomenica, educata.
Questo armonioso ricomporsi dell'Unità originaria è raffigurato come un compito che l'individuo può e deve realizzare anzitutto in se stesso, instaurando un dialogo sereno tra la propria dimensione consapevole e progettuale e l'elemento spontaneo e inconscio.



Armando Tinnirello si esprime con pittura, fotografia e multimedia.
Nella fotografia si ispira alla Natura, al mito delle metamorfosi e allo sciamanesimo, creando maschere tribali. Nella pittura si ispira alla filosofia di Eraclito, al mito del fuoco primordiale.
Presente sulle piattaforme LensCulture e See.Me, comunità internazionali esclusive di creativi di New York City, ha partecipato a decine di mostre da New York City a Art Basel Miami fino al Louvre: See.Me - Art Takes SoHo (Finalists 2018); See.Me - exhibition at Armory Art Week-NY (Semi-Finalists 2018); See.Me - Scope Art Show Miami Beach 2018; See.Me Booths e See.Me's takeover of the Miami Dome Art Basel.
Tra le collettive: Eventi collaterali ai Fuori Salone - Milano; Museo Alda Merini - Milano; Studi Festival Milano; Fondazione Matalon – Milano; OLE.01 Palazzo Reale – Napoli; Galleria Nazionale - Cosenza; Fondazione Istituto Nazionale dei Tumori - Milano; Pinacoteca Civica – Imperia; 53° Biennale di Venezia: evento “Virtual Mercury House”; Biblioteca Italo Calvino -Torino; Università del Piemonte Orientale – Vercelli; Berengo Studio, Murano-Venezia; Università di Novara; 51°Biennale di Venezia 2005: evento “Isola della Poesia/Isola Virtuale”; Museo del Territorio Biellese - Lanificio Pria, Biella (Vercelli).
Personali: Museo La casa del Lago - Verbania Intra; Installazione site specific AMACI - XII° Giornata del Contemporaneo; “Metamorfosi” - Spazio Enobene di Busto Arsizio (VA); Swan & The Frog Art Gallery – Sarasota-Florida; “Fish Bowl” - Gallery University of South Florida – Sarasota-Florida; Oak Trace Office Park by summit Investment Group – Bradenton-Florida; Green Genie Gallery- Bradenton-Florida.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram