Antonio Finelli - La luce di Roma 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/05/2019
Mibac: c'è il via agli elenchi dei professionisti dei beni culturali
21/05/2019
Stanco e malinconico. Il secondo ritratto di Leonardo da Vinci in mostra a Buckingham Palace
21/05/2019
Con i tutorial della British Library puoi realizzare il tuo manoscritto medievale
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MEDINA ROMA ​ Via Angelo Poliziano 32/36 Roma 00184

Roma - dal 3 al 16 maggio 2019

Antonio Finelli - La luce di Roma

Antonio Finelli - La luce di Roma

 [Vedi la foto originale]
MEDINA ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Angelo Poliziano 32/36 (00184)
+39 0696030764
info@medinaroma.com
www.medinaroma.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra dell'artista romano che vive e dipinge nel Rione Esquilino, Finelli realizza scorci e paesaggi metafisici della capitale, in cui gli unici protagonisti sono la luce e il colore.
orario: 10-13 e 15-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 maggio 2019. h 18:00
autori: Antonio Finelli
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 3 al 16 Maggio negli spazi Medina Roma mostra personale di Antonio Finelli dal titolo “La luce di Roma”.
L’ artista romano vive e dipinge nel Rione Esquilino, egli realizza suggestivi scorci e paesaggi metafisici della capitale, in cui gli unici protagonisti sono la luce ed i colori.
Antonio Finelli dipinge la città di Roma con la spontanea freschezza di un bambino meticoloso e sapiente. Strade, piazze, vie, basiliche, alberature e parchi, qualificano per eccellenza il panorama romano, e diventano ai suoi occhi una scoperta che il pittore effettua modellando prospettive ravvicinate e consolidate dal fascio integrato di luce e colore. La pittura è semplice e immediata, perché aderisce spontanea alle cose viste: sigilla il vero per gradi sovrapposti, con tarsie modellate di colore verde, celeste, rosso, giallo e viola.
Se ne ricava una atmosfera di spazio costruito in un avvolgente pulviscolo luminoso; terso e silente, che riecheggia i mondi formali della più meditata ascendenza ‘primitiva’ del ‘900.
Il paesaggio romano sopradeterminato dagli effetti quasi artificiali di luce-colore ci immette allora in una atmosfera di moderno emblema; dove l’unico elemento umano e narrativo si rivela l’occhio prensile e inquirente del pittore-osservatore: con l’effetto di suggerire l’ipotesi di un paradigma indiziario dove ogni elemento del paesaggio è potenziale luogo di drammi vissuti che non abitano più qui.

Opening Venerdì 3 Maggio ore 18:00
3/ 16 Maggio
Ingresso libero
Apertura al pubblico: Lunedì-Venerdì 10:00-13:00 e 15:00-19:00
Via Angelo Poliziano 32, 34 Roma
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram