Emilia Persenico - La memoria e l'oblio 3090 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva STUDIO LEGALE A&A ​ via Benvenuto Cellini 22 Busto Arsizio

Busto Arsizio (VA) - dal 16 al 26 maggio 2019

Emilia Persenico - La memoria e l'oblio

Emilia Persenico - La memoria e l'oblio

 [Vedi la foto originale]
STUDIO LEGALE A&A
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Benvenuto Cellini 22
+39 0331.639176
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra presenta una selezione delle opere realizzate intorno a un tema che da anni impegna Emilia Persenico in un lavoro di scandaglio di sé e dell’altro. L’”altro” è l’infanzia gravata dal peso della memoria di una violenza e dal “necessario” oblio per non restarne schiacciati.
orario: su appuntamento telefonando a
0331.639176 - 346.9577685
Aperture giorni festivi
Sabato 18 e domenica 19 maggio
Sabato 25 e domenica 26 maggio
dalle 15.00 alle 17.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 16 maggio 2019. dalle 17.00 alle 19.00
catalogo: A cura di Gabriella Anedi - presentazione di Giorgio Albé
curatori: Gabriella Anedi
autori: Emilia Persenico
patrocini: Comune di Busto Arsizio
note: promossa dalla Galleria fiber art and...
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nell'ambito dell'edizione 2019 di Miniartextil il Comune di Busto Arsizio e lo studio A&A propongono la personale di Emilia Persenico, artista poliedrica che sa declinare in modi sempre diversi un tema ricorrente: il silenzio che grava sulla memoria della violenza subita. Gli ambiti famigliari, le figure isolate, gli spazi fragili del quotidiano sono indagati con una intonazione sempre perfetta di icona e materia.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram