Olivia Vighi - L'ombra dell'infinito possibile 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MARS ​ Via Guido Guinizelli 6 Milano 20127

Milano - dal 22 maggio al primo giugno 2019

Olivia Vighi - L'ombra dell'infinito possibile

Olivia Vighi - L'ombra dell'infinito possibile
Olivia Vighi, L'ombra dell'infinito possibile, 2019 courtesy of Artist
 [Vedi la foto originale]
MARS
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Guido Guinizelli 6 (20127)
+39 3476001457
mars.mailto@gmail.com
www.marsmilano.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra è il settimo appuntamento di “My Room On Mars” a cura di Fabio Carnaghi
orario: su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 22 maggio 2019. h 18
curatori: Fabio Carnaghi
autori: Olivia Vighi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
MARS ha il piacere di presentare “L’ombra dell’infinito possibile”, prima mostra personale a Milano di Olivia Vighi, a cura di Fabio Carnaghi.

La mostra è il settimo appuntamento di “My Room On Mars”, una rassegna di progetti speciali che propongono MARS quale specifico luogo di riflessione a partire dalla sua anomala, ma ormai peculiare, conformazione di white cube accidentale.

La poetica di Olivia Vighi è essa stessa l’esito in fieri del suo fare artistico, al punto che studio, attività teorica e opera coincidono. L’esito è una pratica ibrida che spazia dalla pittura alla fotografia, fino all’elaborazione digitale e all’installazione nel dialogo con lo spazio. Il processo, come prassi critica, è habitat interstiziale, inteso come momento di giudizio e analisi in una necessaria e urgente elaborazione teorica.

“L’ombra dell’infinito possibile” contempla il carattere sperimentale del lavoro di Vighi che si misura con l’ambiente espositivo trasponendolo in luogo del dilemma, spazio metafisico sottoposto ad una trasposizione enigmistica che mette in gioco un dibattito sui linguaggi e sulle loro multiformi possibilità combinatorie. “L’ombra dell’infinito possibile” pone in questione l’inquieta instabilità semiotica, quesito che fa della sospensione il terreno indagato da Vighi nella sua ricerca artistica mai sazia di meditazione.


Olivia Vighi è nata a Milano, dove vive e lavora.Ha esposto il suo lavoro presso Riss(e), Zentrum, Varese; Lato, Prato; Trevi Flash Art Museum of Contemporary Art, Trevi; Via Farini, Milano; SBC European Art Competition, London; Palazzo Te, Mantova; International Exhibition of Art colleges Hiroshima, Hiroshima, Giappone.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram