Linda Kunik - Disconnect 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MANGIAFOGLIA ​ Via Giosuè Carducci 32 Napoli 80121

Napoli - dal 24 maggio al 10 giugno 2019

Linda Kunik - Disconnect

Linda Kunik - Disconnect

 [Vedi la foto originale]
MANGIAFOGLIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giosuè Carducci 32 (80121)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Fotografia e pittura insieme per un lavoro che prende spunto dall’osservazione di giardini e paesaggi ambientali per approdare ad un’analisi dello scollamento degli animi umani, ovvero della profonda separazione tra quello che le persone sono realmente e quello che mostrano di essere
biglietti: free admittance
vernissage: 24 maggio 2019. ore 18
curatori: Paola De Ciuceis
autori: Linda Kunik
genere: fotografia, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Per il ciclo di incontri Mangiafoglia in Arte, venerdì 24 maggio
(inaugurazione ore 18, via Carducci 32), la rassegna a cura di Paola de
Ciuceis negli spazi di Mangiafoglia prosegue con l’artista americana Linda
Kunik protagonista con “Disconnect”.
In esposizione, 11 opere fotografiche di vario formato su pannello con
interventi pittorici ad acrilico su carta acquerello nelle quali Kunik invita
ad una riflessione sulla scissione negli individui tra quello che i loro animi
sentono e quello che mostrano.
“Fotografia e pittura insieme per un lavoro che prende spunto
dall’osservazione di giardini e paesaggi ambientali per approdare ad
un’analisi dello scollamento degli animi umani, ovvero della profonda
separazione tra quello che le persone sono realmente e quello che
mostrano di essere. Fotografare pareti e oggetti naturali da tutto il mondo
è stata l'ispirazione per questo lavoro: dalle mura della prigione di San
Severino a Cuba alle pareti che sorreggono le gigantesche statue dell'Isola
di Pasqua alle mura di una città medievale italiana. Affascinata dalle
composizioni astratte che ha visto da vicino, l’artista ne ha fatto lo sfondo
per una metafora del personaggio che ciascuno individuo presenta al
mondo esterno: il muro che mostra agli altri. Ritagliare parte della
fotografia e dipingere quella sezione ha iniziato a rappresentare la
disconnessione tra la persona che presentiamo e i sé multipli che siamo
sotto. A prima vista, si vede un'immagine completamente perfetta. A un
esame più attento, la differenza è evidente. La nostra lotta è trovare i modi
per integrarli”. (Paola de Ciuceis e Linda Kunik).
Linda Kunik. Nativa di Chicago dove si è formata conseguendo una laurea
all'università dell'Illinois e un MS della Chicago DePaul University, nel
1978 si è trasferita a Beverly Hills, in California, dove attualmente risiede.
Dopo un inizio come acquarellista e paesaggista, volendo lavorare in modo
più concettuale, torna a scuola e consegue un BFA presso l'Otis College of
Art and Design di Los Angeles. Nel tempo, ha partecipato a più di 70
mostre, tra cui numerose mostre personali in gallerie nella sua città e in
tutta la California, in Europa e in Perù. Inoltre, è ha fatto residenze di
pittura a Canisy (Francia), a Assisi e Civitella (Italia). Il suo lavoro è stato
esposito in Photo LA (2011 e 2012), Art Basel Miami (2017) ed in gallerie
e musei a New York.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram