Bai Di - Tracce fugaci 3057 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAGI 900 ​ Via Rusticana 1 Pieve Di Cento 40066

Pieve Di Cento (BO) - dal 25 maggio al 30 giugno 2019

Bai Di - Tracce fugaci

Bai Di - Tracce fugaci
Bai Di - Journey, 2016 tecnica mista 150x150cm
 [Vedi la foto originale]
MAGI 900
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Rusticana 1 (40066)
+39 0516861545 , +39 0516860364 (fax)
info@magi900.com
www.magi900.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Bai Di (1986, Shan Xi),diplomata all’Accademia Centrale di Belle Arti di Pechino,nel 2010 e ora attiva tra Pechino e Amburgo, è una pittrice emergente della nuova generazione asiatica, che si è avvicinata al Neo–Expressionismo europeo.
orario: martedì – domenica dalle 10.00 alle 18.00.
Chiuso lunedì.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 25 maggio 2019. ore 17.30
curatori: Wang Chunchen, Valeria Tassinari
autori: Bai Di
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
BAI DI
Tracce fugaci

Inaugurazione sabato 25 maggio ore 17:30

dal 25 maggio al 30 giugno 2019
a cura di
Wang Chunchen
Valeria Tassinari

L’artista cinese Bai Di (1986, Shan Xi), diplomata all’Accademia Centrale di Belle Arti di Pechino nel 2010 e ora attiva tra Pechino e Amburgo, è una pittrice emergente della nuova generazione asiatica , che si è avvicinata al Neo – Expressionismo europeo.
Nello spazio OPEN BOX del MAGI’900 presenta una serie di dipinti ad olio di grande formato, eseguiti con una tecnica molto libera e veloce. Davanti a queste opere un misterioso e drammatico immaginario sembra invitarci ad andare oltre, a trovare qualcosa di sospeso tra forze selvagge e quotidianità. La verità è proibita, recita il titolo di uno dei suoi lavori, mentre lei stessa afferma:
«I miei dipinti ad olio esprimono le condizioni esistenziali delle persone moderne, incluse le relazioni tra le persone e l’ambiente e le relazioni tra le persone. I miei metodi di pittura sono influenzati dall’espressionismo, sottolineando che l’emozione individuale è più importante delle forme delle cose oggettive e che l’esperienza psicologica ha più importanza della rappresentazione di dettagli concreti.
Spesso sfumo i volti delle figure, ma le posizioni dei loro corpi sono vitali e potenti. Che siano giovani donne, uomini o donne anziane, le figure nei miei dipinti sono veicoli di emozioni collocati in ambienti con diverse atmosfere emozionali. Fanno parte di una dinamica emotiva, ma non hanno obiettivi o indicazioni esplicite per le loro azioni; non sanno da dove vengono o dove vanno, il che rende lo spettatore ansioso per il loro destino.
I miei dipinti sono come una serie di scene mutevoli, che potrebbero anche chiamarsi paesaggi del sogno. Le figure e gli ambienti che appaiono nelle opere non sono chiari e possono essere visti come allucinazioni. Sono come monologhi dell’anima, con un ritmo e un fascino speciali. Parlano con voci basse ma potenti. Sottili ma pesanti, chiari ma stabili, questi pezzi provengono dall’anima e più si avvicinano all’anima, più evidenti diventano queste qualità e diventano più spesse e pesanti; il potere delle emozioni gioca un ruolo. Questo ambiente speciale è nato da un’idea unica e dalla mia ingegnosa messa in scena.»
La mostra è curata da Wang Chunchen (professore presso l’ Accademia Centrale di Belle Arti e vice direttore del CAFA Art Museum di Pechino) e Valeria Tassinari (professore a contratto presso Accademia di Belle Arti di Brera a Milano e curatore Museo MAGI’900).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram