Helga Gendriesch - Worlds 3080 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CA' DEI CARRARESI ​ Via Palestro 33 Treviso 31100

Treviso - dal 17 giugno al primo luglio 2019

Helga Gendriesch - Worlds

Helga Gendriesch - Worlds

 [Vedi la foto originale]
CA' DEI CARRARESI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Palestro 33 (31100)
+39 0422513150 , +39 0422513186 (fax), +39 0422513185
casadeicarraresi@fondazionecassamarca.it
www.casadeicarraresi.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La pittrice testimonia con forza e vigore la tradizione astratta pittorica della Germania. In supporti quali tela e vetro, infiniti mondi cromatici ci portano attraverso stesure materiche in costellazioni dell'anima. L'improvvisazione sempre vive tra effetti cognitivi e non per libere espressioni.
orario: Da martedì a venerdì: 10 - 19
Sabato, domenica e festivi: 10 - 20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 17 giugno 2019. Dalle 15 alle 17
curatori: Alain Chivilò
autori: Helga Gendriesch
patrocini: Città di Treviso, Provincia di Treviso, Casa dei Carraresi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La prestigiosa sede museale di Casa dei Carraresi a Treviso, ospita per la prima volta l’artista tedesca Helga Gendriesch. Il titolo della personale “Worlds”, ideato dal critico e curatore d’arte dr Alain Chivilò, racchiude il filo rosso che lega l’espressività della pittrice. Infiniti mondi astratto-informali si definiscono attraverso infinite nuance cromatiche.
Helga Gendriesch nel personale fresco e vivace iter pittorico unisce molteplici percezioni che, nella complessità ma allo stesso tempo essenzialità, rappresenta mondi sommersi, psicologici e terrestri. Le sue opere vivono di energie proprie attraverso un sapiente utilizzo cromatico per enigmi umani ricchi di espressività.
Riprendendo e rivitalizzando canoni estetici appartenenti all’arte informale, Gendriesch genera mentalmente, grazie alla gestualità, universi vibranti in movimento perenne. Nulla è statico dunque, poiché ogni singola sezione dell’opera è in costante equilibrio tramite sinergiche contrapposizioni di colori. Infatti, tramite l’utilizzo di un rullo, l’artista fornisce alle sue creazioni una vivacità unica, appartenente a uno spirito compositivo spontaneo e allo stesso tempo giovanile.
Un’abilità espressiva, maturata e affinata negli anni lungo una definizione astratta, trova nel pensiero di Gerhard Richter possibili elementi esplicativi,
In medium quali la tela e il vetro, ogni suo mondo si regge lungo liriche esistenze per rappresentazioni sempre puntuali dall’astrazione naturale, mentale e filosofica.
Gesto e segno, per la pittrice Helga, fanno parte d un’unica azione pittorica che definisce e individua oniriche e vitali storie per significati espressivi puntuali rivolti sempre a una società mai statica.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram