Onirika, the born identity 3060 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva LABGALLERY THIS IS MY CHURCH ​ Via Principe Tommaso 52a Torino 10125

Torino - dal 13 al 16 giugno 2019

Onirika, the born identity

Onirika, the born identity
Onirika
 [Vedi la foto originale]
LABGALLERY THIS IS MY CHURCH
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Principe Tommaso 52a (10125)
+39 333 3088469
thisismychurch.lab@gmail.com
www.thisismychurchlab.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Con Onirika nasce una nuova identità artistica, ma anche sociale, un modello, una nuova influenza da una diversa dimensione, una dimensione parallela, che abbraccia il reale e sconfina nell'immaginario.
orario: da martedì a domenica ore 18 - 21
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 giugno 2019. ore 20:00
curatori: Alex Kova
autori: Martina Massa, Francesco Scandale
genere: performance - happening, altro

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Programmati, impostati fin dalla nascita, tutti nello stesso modo, con gli stessi parametri, indossiamo un costume, una scocca, una sorta di corazza che condiziona i nostri movimenti, fisici e astrali, condizionando così anche il nostro presente, e il nostro futuro.
Liberarsi della scocca, lasciare la corazza, equivale alla nascita di una nuova identità. Un'identità libera da schemi e da barriere, che crea un mondo proprio, un mondo nuovo, intimo, meditativo, un nuovo emisfero artistico.
L' atto vive, di ciò che l'artista liberamente sente e vede, creando panorami e astrazioni nuove e originali, ma sempre con un piede nella realtà, spiazzando l'osservatore in una dimensione al confine tra l'arte e il reale.
Nasce una nuova identità, l'arte prende vita, ed esprime, attraverso immagini e azioni, lo stato d'animo attuale e contemporaneo, che, anche se singolare, rispecchia sicuramente uno status vivendi comune e diffuso, soprattutto nelle nostre coscienze.
Con Onirika nasce una nuova identità artistica, ma anche sociale, un modello, una nuova influenza da una diversa dimensione, una dimensione parallela, che abbraccia il reale e sconfina nell'immaginario.
Live performing, scultura, video arte e una colonna sonora composta appositamente, sono gli ingredienti di questa strana miscela, un effusione emotiva tra immagine e poesia. La vista ascolta oltre ad osservare.
La poesia diventa tangibile, l'azione e la reazione danno vita all'emozione, un'emotiva sensazione di distacco, la sensazione di scavalcare il grigio muro dei finti ed obsoleti preposti orizzonti.

Plastica è la mente di chi sconfina e si trasforma. (F.Scandale)

Martina Massa Martina Massa è attrice/performer, il suo percorso artistico inizia a soli cinque anni all'Accademia Teatro Toselli di Cuneo, sua città Natale. I suoi anni di formazione si svolgono tra Torino, Venezia e Bologna, e spaziano dalla prosa alla commedia dell'arte, alla danza, canto e arti circensi, che le ha permesso di intraprendere un variegato percorso professionale nel panorama nazionale ed internazionale. Percorso che si muove dal teatro sheaksperiano del Globe Theatre di Roma al physical theatre di Ondadurto, con cui è volata in Francia. Ha avuto l'occasione di crescere lavorando accanto a professionisti del calibro di Anna Bonaiuto, Ugo Pagliai, Ricky Tognazzi, Marco Carniti, Daniele Salvo etc. Numerose, importanti e formative sono le esperienze che la portano a definire la propria identità artistica, che oggi si manifesta e si definisce.
Francesco Art_Scandale. L’arte di Francesco Scandale aka Art_Scandale, si consacra prima di tutto nella pittura e successivamente nell’ universo della scenografia e della regia. Collabora con numerosi registi nei più importanti teatri d’ Italia, suo paese d’ origine, e in poco tempo nei Teatri d’ Europa . Con l' esperienza ricerca una propria identità artistica ed esplora diversi linguaggi creativi. Firma numerosi cortometraggi e diverse opere d’ arte video come “ Nessun Potere” , “ Synestesia”, “La Trilogia del Viento”. Nel 2007 debutta nel mondo dell’ opera lirica, mondo per lui affascinante e suggestivo, un mondo in cui la sua creatività e la sua arte ha modo di prendere forma con grandi suggestioni. Lavora per numerose produzioni liriche internazionali tra cui, “ la Clemenza di Tito” al Teatro Real de Madrid ,Spagna, “il Nabucco” ad Avenches, Svizzera, “La Traviata “, Shanghai, Cina. Importante da ricordare è l’ istallazione video per lo spettacolo Stellarum Opifice, presentata al Rubin Museum of Contemporary Art a New York e al piccolo Teatro Studio di Milano. Tocca anche il mondo del cinema, collaborando ancora oggi con le grandi produzioni americane e straniere per i grandi colossal del grande schermo. Da diversi anni Francesco Scandale si afferma come scenografo e consulente artistico della Fondazione d’ Arte Contemporanea Alda Fendi-Esperimenti. L’ arte è la sua vita, la sua essenza. E’ considerato un artista di grande talento grazie alla sua sensibilità artistica, capace di trasmetterla attraverso un’ armonia presente in ogni sua forma d’espressione.
Fine Produzioni In arte Monnox, è il direttore creativo di Fine. Visionario ed eclettico artista visivo, musicista e guida di un gruppo di creativi di alto profilo. Monnox dirige Fine, sua creazione e sua ambizione, realtà da Lui stesso definita così: FINE raccoglie le diverse anime appartenenti all’immaggine in movimento. Siamo tutti legati alla quarta dimensione, ognuno ossessionato dal distillare il reale dall'artefatto. Pieghiamo la tecnica per sublimare la visione.Frazioniamo il tempo per moltiplicare un’attimo. Le nostre idee scorrono tra le maglie della rete, si appoggiano sui muri ma non dimenticano la loro provenienza catodica. Per molti è solo persistenza della visione per noi è Fine.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram