Wings 3113 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ISORROPIA HOMEGALLERY ​ Viale Beatrice d’ Este 22 Milano 20122

Milano - dal 20 giugno al 20 luglio 2019

Wings

Wings

 [Vedi la foto originale]
ISORROPIA HOMEGALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Beatrice D’ Este 22 (20122)
info@isorropiahomegallery.com
www.isorropiahomegallery.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra indaga il concetto e l’idea della libertà artistica, introducendo possibili forme e espressioni in un dialogo tra scultura, pittura e fotografia. Un’idea che è evocata da simbolismi e immagini iconiche rinchiuse in contenitori oggettivi o linguistici.
orario: su appuntamento: info@isorropiahomegallery.com
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 20 giugno 2019. ore 19,30 - 22,00
autori: Daniele Accossato, Gabriele Colletto, Andrea Gallo, Pietro Mancini, Giusto Pilan, Maurizio Pometti
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra indaga il concetto e l’idea della libertà artistica, introducendo possibili forme e espressioni in un dialogo tra scultura, pittura e fotografia. Un’idea che è evocata da simbolismi e immagini iconiche rinchiuse in contenitori oggettivi o linguistici. Se le ali di Daniele Accossato rimandano inevitabilmente a un’esperienza di libertà, la stessa è negata dal suo contenitore che le chiude all’interno di una gabbia di legno. Un ragionamento, quello dell’artista che agisce sull’esposizione dell’opera come dispositivo, che ne restringe i confini in uno spazio fisico, innescando una riflessione intorno al concetto di libertà e all’oggetto come merce. Gabbie significanti e semantici sono, invece, i soggetti estetici di Pietro Mancini, che usa il mezzo fotografico come fosse materiale scultoreo. Procede per stratificazione di un innumerevole nucleo di segni, geometrie e figure, congelando le immagini in installazioni e light box. Il rigore e il simbolismo delle sue composizioni, bloccano le scene in porzioni spazio-temporali che diventano testi da leggere e da interpretare.

La precarietà delle immagini è invece rivelata da Giusto Pilan. Presenze delicate segnano i confini di forme in divenire, che sembrano tracciarne le stesse origini. Riprese da un mondo umano e vegetale, come le ali in catrame e cera, sono rese con pennellate di colore, profili di ferro, in cui le sagome emergono come da una dimensione atemporale. Ma il gesto è disinvolto anche nel figurativismo di Gabriele Colletto. Un lavoro pittorico, svincolato da schemi e regole, in cui i ritratti si manifestano nel percorso della loro esecuzione. Impasti cromatici vigorosi restituiscono corpi, spesso colti nella loro nudità, tra approssimazioni visive e omissioni estetiche, con volti celati, che segnano un nuovo immaginario possibile.

















Il reale è l’archivio a cui attingere attraverso combinazioni e collage pittorici. La pittura per Maurizio Pometti è il luogo della memoria famigliare, ricostruita attraverso album personali in cui colloca un illusorio presente, di cui fa parte l’artista stesso. Scegliendo di dipingere ricordi mai vissuti, le sue opere sono sezioni di un ingannevole diario, nel tentativo di modellare una realtà esistenziale desiderata. Andrea Gallo recupera i suoi soggetti da archivi pubblici e privati con cui costruisce ricomposizioni visive. Corpi ritratti in azioni conturbanti, scene ludiche popolate da animali colorati, insoliti ritratti di famiglia, oggetti di vario genere e epoche storiche diverse, alimentano narrazioni surreali pronti a destabilizzare lo spettatore.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram