Arianna De Nicola - Fermo | Mobile 3080 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO FOURTEEN ARTELLARO ​ Piazza E. Figoli 14 Lerici 19032

Lerici (SP) - dal 13 luglio al 2 agosto 2019

Arianna De Nicola - Fermo | Mobile

Arianna De Nicola - Fermo | Mobile
FERMO | MOBILE - ARIANNA DE NICOLA
 [Vedi la foto originale]
SPAZIO FOURTEEN ARTELLARO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza E. Figoli 14 (19032)
Tellaro
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

mostra personale
orario: 19-24
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 luglio 2019. ore 19.00
curatori: Gino D'Ugo
autori: Arianna De Nicola
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
FERMO | MOBILE - ARIANNA DE NICOLA
13.07- 02.08.2019
Ore 19.00
FourteenArTellaro,
Piazza Figoli, 14
Tellaro (SP)
Rassegna La superficie Accidentata
a cura di Gino D’Ugo


La prossima personale ospitata dallo spazio Fourteen ArTellaro è con l’artista Arianna De Nicola.

L’installazione FERMO | MOBILE è in linea continuativa con la sua recente personale al 16Civico di Pescara “Il suono del limite”, a cura di Maila Buglioni.
Anche in questo caso, tramite l’utilizzo di delicati manufatti ceramici, ci sposta metaforicamente su concetti della vita delle cose e degli esseri umani dove l’essenza dei due può essere intercambiabile e dove le relazioni di incontro-scontro cambiano in modo inappellabile la sostanza al di là della forma visibile.

Scrive Giulia Fonzi riguardo a “il suono del limite” nel suo articolo per Exibart:
“Ammirate da lontano, le creazioni di De Nicola vestono un’estetica fatta di precisione e delicatezza, ma è solo avvicinandosi che tutte le imprecisioni vengono a galla e ciò che si credeva di aver capito poco prima si rovescia. L’artista romana propone uno straordinario lavoro empatico in costante dialogo con le percezioni umane...”

Ma se nella precedente esposizione il suono accompagnava l’incontro-scontro della materia nella sua indagine metaforica, in questa installazione site specific per Fourteen, nell’accezione del paradosso del titolo, la materia, anche quella di cui ad occhio non si percepisce variazione, ha già subito una trasformazione e seppur immobile emette un vibrante suono come a dire che i sensi colgono li dove l’occhio e la logica sono mancanti.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram