Jean Cocteau, il poeta, il testimone, l’impostore 3107 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE MAGNANI ROCCA ​ Via Fondazione Magnani Rocca 4 Traversetolo 43029

Traversetolo (PR) - dal 9 settembre al 27 novembre 2005

Jean Cocteau, il poeta, il testimone, l’impostore
[leggi la recensione]

Jean Cocteau, il poeta, il testimone, l’impostore
[leggi la recensione]
Jean Cocteau, Profil de jeune homme
 [Vedi la foto originale]
FONDAZIONE MAGNANI ROCCA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Fondazione Magnani Rocca 4 (43029)
+39 0521848327 , +39 0521848337 (fax), +39 0521848148
info@magnanirocca.it
www.magnanirocca.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

l’apertura della mostra segna la ripresa dell’attività espositiva della Fondazione Magnani-Rocca di Mamiano di Traversetolo (Parma)
orario: 10-18; lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Euro 8,00 (comprensivo delle Raccolte permanenti)
vernissage: 9 settembre 2005.
catalogo: disponibile
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Mauro Carrera
autori: Jean Cocteau
note: La mostra è realizzata grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Parma
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il 10 settembre 2005 l'apertura della mostra Jean Cocteau, il poeta, il testimone, l'impostore segna la ripresa dell'attività espositiva della Fondazione Magnani-Rocca di Mamiano di Traversetolo (Parma).
L'esposizione, a cura di Mauro Carrera con la collaborazione di Simona Tosini Pizzetti e di Elena Fermi, ospita straordinari prestiti da importanti collezioni pubbliche e private ed è stata possibile grazie al decisivo appoggio di Manfredo Manfredi, dal giugno 2005 Presidente della Fondazione Magnani-Rocca, e al sostegno economico della Fondazione Cariparma, e vede, tra gli altri, il patrocinio dell'Ambasciata di Francia in Italia e del Comité Jean Cocteau di Parigi.
La mostra si concentra sulla figura poliedrica e multiforme del poeta francese che, sempre sotto l'insegna della poesia, fu anche romanziere, saggista, critico, regista cinematografico, drammaturgo, disegnatore, pittore, sperimentando tutti i linguaggi che l'arte gli offriva.
Sodale di Apollinaire, Satie, Stravinsky, amico di Modigliani, Severini, de Chirico, Savinio, Cocteau vive a cavallo tra la Belle Époque e l'età delle Avanguardie e di entrambe le epoche è acuto e raffinato testimone. Poeta mondano di successo è amico di Proust e delle personalità più in vista di Parigi prima della Grande Guerra e desta l'ammirazione di d'Annunzio. In seguito, arbiter elegantiae, vivace protagonista di tutte le manifestazioni dell'Avanguardia, ne diviene uno dei più importanti promotori attraverso il progetto di Parade, per infine superarla con il Rappel à l'ordre, inedito connubio tra le spinte eversive di questa e una rilettura delle radici classiche della civiltà europea.
Scopritore di talenti - Radiguet, Genet, Marais, solo per citarne alcuni - e voce recitante del Novecento, Cocteau è, intimamente, un uomo di teatro. Non abbandona mai la scena, anzi la cerca, quando essa sembra allontanarsi. Il palcoscenico è la sua dimensione più autentica,anche quando reca con sé la finzione. Cocteau è anche, sempre, un impostore che propone mille volti diversi, tutti ispirati, però, al dolce inganno della poesia. Jean Cocteau, il poeta, il testimone, l'impostore, propone una visione inedita della proteiforme figura del poeta francese. Inedito è l'intendimento di mettere in luce la personalità del Cocteau critico e amatore d'arte, creando un legame ideale, fatto di affinità e dissonanze, con Luigi Magnani, artefice della stupenda collezione che porta il suo nome e della Fondazione che accoglie le tre sezioni della mostra. Altra scelta significativa è quella di valorizzare gli importanti e poco noti rapporti tra Cocteau e l'Italia, ponendo l'accento sulle sue relazioni con molte personalità di rilievo nel panorama artistico e culturale della penisola.
La sezione Odisseo o del tempo e dello spazio come testimonianza, presenta alcune opere della collezione Magnani-Rocca che, poeticamente ed idealmente interpretate dal Cocteau critico d'arte, acquistano una nuova, avvincente e inedita chiave di lettura.
La sezione, Orfeo o della poesia immanente, offre una selezione di opere grafiche, disegni, libri d'artista di Jean Cocteau, appartenenti a diversi momenti della sua evoluzione artistica. I celebri profili classici che lo hanno reso famoso sono posti accanto a splendidi disegni di grande valore (da un album inedito, gemello di quello per Gondole des morts curato da Fabrizio Clerici) eppure misconosciuti dal pubblico. Tutto il materiale, inedito o poco noto, è all'insegna del frammento, la dimensione a Cocteau più congeniale.
La sezione Gli Argonauti o les compagnons de voyage italiens prosegue in tale prospettiva, presentando opere di artisti italiani contemporanei di Cocteau, da Modigliani a Severini, da de Chirico a Savinio e Clerici, da Morandi a Carrà tutti in qualche modo legati al poeta da affinità elettive, amicizie comuni e da memorabili collaborazioni nel segno dell'arte.
Visitando l'esposizione si segue, allo stesso tempo, il Cocteau scrittore e il Cocteau artista. Segno scritto e segno grafico rivelano così il loro inscindibile legame e consentono di seguire la vicenda creativa di un Orfeo dalle mille voci, di un pifferaio magico che c'invita a seguirlo nel suo mondo ad un tempo poeticamente simbolico ed elegantemente glamour.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram