Ferrari by Mailander 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI - LINGOTTO ​ Via Nizza 230 Torino 10126

Torino - dal 12 maggio al 4 settembre 2005

Ferrari by Mailander

Ferrari by Mailander

 [Vedi la foto originale]
PINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI - LINGOTTO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 230 (10126)
+39 0110062008 , +39 0110062115 (fax)
segreteria@pinacoteca-agnelli.it
www.pinacoteca-agnelli.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un omaggio ai campioni e alle vetture Ferrari, a quel mondo di pionieri ritratto nelle fotografie di Mailander
orario: dal martedì alla domenica 9-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: € 4,00 intero; € 2,50 ridotto
vernissage: 12 maggio 2005.
editore: SKIRA
autori: Rodolfo Mailander
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Facevo reportage su rally, gare di Formula 1 ed eventi automobilistici. Scattare fotografie sui circuiti di gara negli anni Cinquanta e Sessanta è stata una grande avventura. Non esistevano i divieti di oggi, non c’erano ufficiali attorno; potevi andare dove volevi, sistemarti nelle posizioni più spettacolari e pericolose del circuito, o ai box, dove c’erano tutti gli ingredienti per un buono scatto.
Tutto ciò non è possibile oggi in Formula 1: niente più sudore, macchie d’olio ovunque, piloti stremati in T-shirt, i volti anneriti dai fumi dei tubi di scappamento, mogli e fidanzate a cronometrare i tempi, persone che vivevano ogni gara in uno stato costante di tensione e ansia, sbirciando nervosamente alla fine di ogni giro per controllare se la loro auto era ancora in gara. Senza i computer, la telemetria e la televisione, tutto era molto più semplice, più umano e forse – per coloro che ancora ricordano quell’esperienza – più affascinante.
Rodolfo Mailander

Un omaggio ai campioni e alle vetture Ferrari, a quel mondo di pionieri ritratto nelle fotografie di Mailander, allora giovane entusiasta fotoreporter per le principali testate automobilistiche internazionali; un omaggio non solo alle vetture, ma anche alle persone che con passione, tenacia e coraggio le hanno rese spesso invincibili nei circuiti di mezzo mondo creando e alimentando la leggenda delle “rosse”.

Il volume, catalogo dell’esposizione allestita alla Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, presenta cento fotografie scattate alla Ferrari dal 1950 al 1955 da Rodolfo Mailander, uno dei più importanti fotoreporter a livello mondiale del mondo delle corse di Formula Uno. Cento fotografie, scattate da un uomo che aveva accesso privilegiato al mondo delle corse e della Ferrari, documentano quei primi anni di successi, l’ambiente e i suoi protagonisti – tra cui Enzo Ferrari, Juan Manuel Fangio, Alberto Ascari, Nino Farina, Luigi Villoresi; la fabbrica di Maranello e i suoi prodotti; episodi divertenti rimasti nella storia; la mondanità di quel tempo.

Il volume segue un percorso cronologico, dal 1950, anno a cui risale la prima stagione ufficiale del Campionato Mondiale di Formula 1, al 1955, con l’ultima corsa seguita da Rodolfo Mailander da fotoreporter, la 24 Ore di Le Mans.

Le fotografie ritraggono in maniera esemplare quel mondo, grazie alla bravura di Rudy Mailander, alla sua amicizia sincera e al rispetto reciproco con i piloti, alla possibilità di scattare con la sua Leica immagini prese da posizioni spettacolari e spesso pericolose. Dal 1950 al 1955 rivediamo i piloti e le vetture correre sui circuiti di gara di Berna, Roma, Torino, Napoli, Salò, Monza e Montecarlo; vediamo scorrere nelle immagini le vetture Ferrari nei loro miglioramenti e modifiche, dalle carrozzerie ai motori; scopriamo le partenze fulminee di Ascari, Stirling Moss fotografo improvvisato, Enzo Ferrari sorridente senza i consueti occhiali da sole, Anna Magnani spettatrice interessata. E ancora Roberto Rossellini alla Mille Miglia, i Fratelli Marzotto e le loro bizzarre “creazioni”.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram